IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

giovedì 28 luglio 2016

VIA LA PASTA DALLA DIETA MEDITERRANEA!

La pasta non fa parte della dieta mediterranea

Federico Francesco Ferrero, medico nutrizionista e MasterChef d’Italia 2014


LA STAMPA 28/07/2016
Ho due notizie a proposito della dieta mediterranea. Una è buona, l’altra meno. La prima, è che una revisione di tutti gli studi compiuti negli Anni 60 da Ancel Keys, padre di questa teoria, ha confermato che il regime alimentare seguito nel primo dopoguerra a Nicotera, in Calabria, e nei villaggi accanto a Iraklio, sull’isola di Creta, si è dimostrato essere quello connesso a una maggiore sopravvivenza media. La seconda, è che purtroppo pizza e spaghetti non ne facevano parte.  

I cereali venivano assunti soprattutto sotto forma di pane, per la maggior parte integrale, che serviva ad accompagnare verdura, legumi e formaggio di capra, con buona pace di tutti quelli che fantasiosamente sostengono che i latticini sarebbero tossici dopo l’età adulta.  

L’olio d’oliva non mancava, più per condire che per cucinare, e per incrementare le calorie fornite dal pessimo vino. Il pesce era raro e la carne roba da ricchi. Il pomodoro non finiva sui rigatoni o sulla Margherita, ma in insalata, nel sugo, sul pane raffermo, magari insieme a qualche uovo. Il lavoro era tanto, i passi molti e il cibo poco, alla sera pochissimo. E proprio la magrezza, il non introdurre più energia di quanta ne serva, è un fattore che accomuna le popolazioni più longeve. Proprio in Meridione infatti, con l’arrivo del benessere, il peso e le statistiche si sono modificati. Tra le muse della dieta mediterranea quindi, mi dispiace, non c’è la carbonara ma la frugalità. 

Nessun commento:

Posta un commento