IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

lunedì 4 luglio 2016

THIS IS VENEZUELA

VenezuelaDI GABRIEL HETLAND
thenation.com
Secondo il New York Times, il Venezuela è "un paese che è in uno stato di collasso totale", con gli uffici statali chiusi, la fame diffusa, e gli ospedali carenti di tutto che assomigliano ad un inferno sulla terra. Vi è riferito, "c’è poco traffico a Caracas, semplicemente perché così poche persone, sia per mancanza di denaro che di lavoro, escono". Il Washington Post, che ha ripetutamente sollecitato l'intervento straniero contro il Venezuela, descrive il paese utilizzando simili, a volte identici, termini quali "collasso", "catastrofe", "completo disastro" e "Stato fallito".
Un recente articolo del Post descrive questo scenario: "Nei McDonald, vuoti di clienti a causa dell'inflazione galoppante, un Happy Meal costa quasi un terzo di un salario medio mensile. Il Venezuela è pure a corto di birra - crisi economica grave ". Quando la Coca-Cola ha annunciato l'intenzione di fermare la produzione a causa della mancanza di zucchero, Forbes ha definito il Venezuela "il paese senza Coca-Cola". The Wall Street Journal riporta timori che la gente "morirà di fame".


Il Venezuela sta scendendo davvero in uno scenario da incubo, come queste cronache suggeriscono? Per rispondere a questa domanda ho trascorso le ultime tre settimane a parlare con decine di cittadini, di poveri, sia chavisti che sostenitori dell’ opposizione, urbani e rurali, attraverso il Venezuela. La mia indagine lascia pochi dubbi sul fatto che il Venezuela si trova nel bel mezzo di una grave crisi, caratterizzata da inflazione a tre cifre, scarsità di beni di prima necessità, cambiamenti diffusi nei modelli alimentari di consumo, e il montante malcontento sociale e politico. E però i media mainstream hanno sempre travisato ed esagerato in modo significativo la gravità della crisi. E' vero e non dovrebbe in alcun modo essere minimizzato, ma il fatto è che il Venezuela non è in uno stato di collasso catastrofico.

Calcoli e valutazioni che suggeriscono altrimenti non sono solo sbagliati ma anche pericolosi, in quanto preparano il terreno per un intervento straniero. Questa settimana il Consiglio permanente dell'Organizzazione degli Stati Americani sta tenendo una riunione di emergenza per prendere in considerazione l'invocazione del Segretario Generale Luis Almagro della Carta della Inter-American Democratica contro il Venezuela. Questa azione è presa contro i paesi che hanno sperimentato una "alterazione incostituzionale del regime costituzionale che compromette seriamente l'ordine democratico in uno Stato membro", e può portare alla sospensione di un paese dalla OAS. Il governo venezuelano, che nonostante qualche ritardo provocato ha permesso di compiere passi verso un referendum revocatorio contro il presidente Nicolás Maduro, respinge con forza questa accusa, come fanno molti Stati membri dell'OAS. Vale la pena notare che l'OAS non ha invocato la Carta Democratica contro il Brasile, che ha recentemente sperimentato quello che molti stati membri OAS e importanti osservatori latino-americani vedono come un colpo di stato in quella nazione.

A Caracas, le strade sono affollate, la metropolitana è in funzione, e le cliniche di salute pubblica funzionano normalmente.
APOCALISSE ORA?

Pochi giorni dopo il mio arrivo a Caracas un paio di settimane fa, è apparso chiaro che mentre la vita in Venezuela è tutt'altro che normale, e molti sono affetti dalla crisi, le immagini dei media tradizionali di un paese allo sbando più totale sono chiaramente esagerate. Lungi dall'essere vuota, strade e autostrade di Caracas mostrano lo stesso tipo di pesante traffico pedonale ed automobilistico che si trovano in altre grandi città dell'America Latina. La metropolitana pare affollata come non mai. I ristoranti nel quartiere benestante di Las Mercedes sono stracolmi e lo sono stati per settimane, secondo gli amici che vivono nel quartiere. Gli scaffali dei supermercati privati ​​a Las Mercedes e altri quartieri ricchi sono pieni, con pollame abbondante, formaggio e prodotti freschi. Il Wendy’s girato l’angolo da casa dove sto io è stato pieno la maggior parte delle volte che son passato di lì, anche in una piovosa notte di Domenica, quando un flusso costante di clienti ci è passato dentro. La birra non è scomparsa (e sarà disponibile per almeno il resto di questo anno). E ho anche avuto molteplici avvistamenti di Coca-Cola.

Ci sono altri segni il Venezuela non è "in uno stato di collasso totale." Nessuno con cui ho parlato ha cose positive da dire sugli ospedali pubblici, che sono visti come corrotti, sotto organico, con le forniture mancanti, che il personale ospedaliero presumibilmente ruba per rivendere. Eppure, ho sentito elogi sperticati e critiche più misurate, cliniche di salute pubblica (Centro Diagnostico Integrale, o CDI) e centri di terapia fisica (Sale di riabilitazione integrale, o SRI), che sono aperti tutta Caracas e nelle città nell'interno. Diversi sostenitori dell'opposizione in Petare, uno dei più grandi barrios dell'America Latina, mi ha detto di un CDI "che fornisce un servizio davvero ottimo." Ho visitato un SRI pulito e rilucente in Carora, una città di 100.000 abitanti nel centro dello stato occidentale di Lara. Il centro (uno dei quattro nella città, che sono tutti aperti) tratta da 80 a 100 pazienti al giorno, e mi hanno detto che tutte le macchine funzionano. Ramón Suárez, un Vice-rappresentante di Stato per il Partito Socialista Unito del Venezuela (PSUV), ha ricevuto un trattamento quasi tutti i giorni in questa SRI per un infortunio alla mano nel mese di dicembre. Mi ha detto, "Senza il SRI non avrei potuto recuperare", spiegando che il trattamento in cliniche private costa 3000-4000 bolivares per una visita. Questo avrebbe richiesto quasi tutto lo stipendio di Suárez (80.000 Bolivares al mese, che è quasi il triplo del salario minimo di circa 15.000 B. / mese più 18.000 B in buoni-cibo).

L'affermazione del Times che "enormi aree del paese hanno passato mesi con scarsa fornitura elettrica” è smentita dai fatti. Nel mese di aprile il governo ha preso una serie di misure per combattere la crisi di energia elettrica, causata dalla peggior siccità in 47 anni, con erogazioni estremamente basse di corrente, che ha portato il Venezuela ad avere il più basso consumo di elettricità pro capite della regione. Per ripristinare i livelli di acqua nella diga di Guri, che fornisce circa il 70 per cento della potenza elettrica del Venezuela, l'amministrazione Maduro ha chiuso selettivamente gli uffici governativi per uno, e poi tre, giorni alla settimana; scuole chiuse il venerdì, e razionato l'elettricità nella maggior parte del paese al di fuori di Caracas. Dalla scorsa settimana, gli uffici governativi sono di nuovo aperti cinque giorni alla settimana, anche se con orario ridotto (08:00-01:00). Le scuole sono ora aperte il venerdì. Il razionamento di energia elettrica, che si verifica per tre ore al giorno a rotazione negli stati interni (che significa l'elettricità è ed è stata disponibile per ventuno ore al giorno in queste zone), rimane in vigore durante la settimana, ma non lo è più il fine settimana, e potrebbe presto finire del tutto. Il governo dice che questi miglioramenti recenti (che portano il Venezuela a uno stato di semi-normalità nella fornitura) sono possibili a causa del successo del razionamento, che, unitamente a recenti piogge, ha alzato i livelli nella diga di Guri su valori quasi normali.
La situazione è DURA

Il Venezuela non è "l'inferno in terra", ma non si può negare che molti venezuelani stiano soffrendo in questo momento, cosa che gli alti funzionari del governo sono stati di gran lunga troppo reticenti e lenti a riconoscere. "La situazione è difficile, ed è peggiorata negli ultimi due anni", dice Jesùs Rojas, un insegnante padre di due figli dalla cittadina di Río Tocuyo (popolazione 7.000) nello stato di Lara. "Essa colpisce le famiglie in modo particolarmente duro. Non è facile procurarsi il cibo, e ciò che si può ottenere è a prezzi molto alti. Hai visto le lunghe file [nei negozi che vendono prodotti di prezzo controllato]. Le persone hanno il potere di acquisto, hanno soldi. Il problema però è che si stanno vendendo certi beni a sei - sette volte il prezzo ufficiale, e non c'è alcun controllo da parte dello Stato. Questa è la cosa che preoccupa di più la gente ".

FIG Scarsità di alimenti e buoni-cibo sono cresciuti significativamente nel corso dell'ultimo anno, in parte a causa dell'inflazione.

Questo è stato un problema per qualche tempo, ma è cresciuto significativamente in peggio nel corso dell'ultimo anno, in parte a causa dell'inflazione, che fonti vicine al governo stimano ufficialmente cresciute a circa il 370 per cento negli ultimi dodici mesi. Tutti quelli con cui ho parlato han detto che è estremamente difficile, e spesso impossibile, ottenere beni come farina, latte, zucchero, olio e fagioli neri. "La dieta di base non è accessibile", dice Atenea Jimenez, co-fondatrice della National Red de Comuneros, una rete di base che collega i comuni in tutto il paese. Manzo e pollo sono disponibili, ma a prezzi così elevati che molte persone non possono permettersi. "Il manzo costa 5.000B al chilo", dice Jimenez. O 10.000 per due chili. Se il vostro stipendio mensile è di 20.000B, è la metà del tuo stipendio. "Jimenez e altri dicono che la crisi alimentare" ha cambiatogli argomenti di discussione. Tre anni fa tutti parlavano di questa o quella decisione presa da Chavez. Ora la gente parla di cibo. La nostra vita è riempita sostanzialmente dalla ricerca di cibo. "Questo rende l'organizzazione di tutto assai più difficile. Jimenez dice che ci sono stati momenti in cui "non abbiamo potuto riunirci a discutere perché tutti erano impegnati a cercare di trovare alimenti."

La crisi alimentare colpisce tutti i settori della popolazione, ma non nello stesso modo. Se i ristoranti affollati e i caffè di Las Mercedes sono in qualche modo indicativi, allora i più ricchi stanno mangiando meglio di quanto abbiano mai fatto. Questo è probabilmente a causa del loro accesso ai dollari americani, che cambiano a circa 1.000 B / dollaro al nero , cento volte in più rispetto al minore tra due tassi di cambio ufficiali (10 B / dollaro), e circa il doppio in un tasso di cambio più elevato, che il governo ha lasciato salire da febbraio, da 200 a 600 B / dollaro. Per la classe media venezuelana, la crisi alimentare ha limitato la loro capacità di scegliere ciò che mangiano. Secondo Ramón Suárez, "Le persone stanno mangiando ma non tutto quello che vogliono." Carlos G. González, un conduttore radiofonico di ceto medio da Carora, dice, "Non possiamo trovare la varietà di insalate che eravam soliti consumare. Stiamo mangiando meno carne, perché troppo cara. E stiamo mangiando più carboidrati, che non è sano. "

I lavoratori e i poveri sono i più colpiti. Jesus Rojas dice: "Ci sono file per acquistare beni di prezzo controllato fino ad un chilometro di lunghezza, e non si sa se si otterrà qualcosa se si sta indietro nella fila. Alcune persone stanno mangiando solo una volta al giorno o per niente. E 'successo a me ", dice Rojas, che stima che questo ha riguardato" il venti o trenta per cento "dei residenti di Rio Tocuyo. Nell'ultimo anno, Rojas ha perso 7 chili. Molti altri dicono che loro e i loro cari hanno perso peso di recente. Atenea Jimenez dice: "La maggioranza delle persone nei barrios e nella sua città rurale di Aragua stanno mangiando solo due volte al giorno." I residenti di Petare dicono la stessa cosa. Oltre a una riduzione complessiva dell'apporto calorico, i settori meno abbienti della popolazione soffrono di una notevole riduzione nel consumo di proteine. Jimenez dice: "La situazione con la carne è drammatica."

Tra i Venezuelani non si verificano episodi di fame di massa, anche se un piccolo ma crescente numero di famiglie si trovano in situazioni critiche di sottoalimentazione cronica. Lalo Paez, il direttore dell'Ufficio Partecipazione della cittadinanza nel comune di Torres, dice che cinque delle 503 famiglie che vivono nella sua città natale di Los Arangues (20 minuti fuori Carora), "si trovano in una situazione critica." Racconta Paez di vedere "la gente rosicchiare canna da zucchero" perché non hanno niente altro da mangiare. Egli stima che la metà della popolazione cittadina mangia solo due volte al giorno. Un adolescente da Los Arangues mi ha detto che cinque dei circa 50 studenti nella sua classe di liceo si lamentano regolarmente di essere affamati. Paez collega la sofferenza dei residenti alla scarsa occupazione e poca acqua, che inibisce il giardinaggio.

Sicarigua, una città proprio lungo la strada da Los Arangues, sta andando molto meglio. I lavoratori di Hacienda Sicarigua, una delle più grandi haciendas di Torres, che produce canna da zucchero e bovini, dicono, " Stiamo mangiando bene" Ciò è dovuto a tre fattori presenti a Los Arangues: reddito regolare per la maggior parte dei residenti della città; una dotazione giornaliera di due bicchieri di latte "per tutti coloro che lavorano in hacienda"; e l'accesso all'acqua da un fiume vicino, che ha permesso famiglie locali per coltivarsi l’ orto.

Come con il cibo, ci sono la scarsità di molti farmaci, in particolare i salvavita per malati cronici.

Oltre al cibo, una fonte primaria di ansia per molti venezuelani è l'accesso ai medicinali. Come con il cibo, ci’è scarsità di molti farmaci, in particolare per le condizioni più gravi, come il cancro, il diabete e la pressione alta. Queste scarsità sono a causa della mancanza nel Paese di dollari sufficienti per l'acquisto di importazioni (un problema legato alla incapacità del governo di affrontare in modo efficace il problema di cambio di valuta, così come la caduta nel prezzo del petrolio negli ultimi due anni), e per bachaquerismo (borsa nera e aggiotaggio) , la pratica di acquisto di cibo, medicine e beni di base dei prezzi controllati da rivendere sul mercato nero a prezzi da dieci a cinquanta volte più elevati rispetto ai prezzi ufficiali.

La maggior parte delle persone con cui ho parlato erano preoccupate di trovare la medicina, ma ha detto che grazie alle loro famiglie erano stati in grado di ottenere l'accesso ai farmaci di cui abbisognavano. Spesso questo avviene attraverso le reti di famiglia allargata che attraversano il paese, e, talvolta, il globo. Le famiglie che possono permettersi di farlo si affidano pure ai bachaqueros. Non tutti, però, riescono a trovare ciò di cui hanno bisogno. Rojas dice: "E 'molto difficile ottenere la medicina per le malattie croniche come ipertensione e diabete" Per mesi, Rojas ha invano cercato la medicina per l'epilessia di sua sorella: "Sono andato ovunque, qui [Carora], Barquisimeto, Caracas , Maturín - e non riesco a ottenere il farmaco. "ha aggiunto:" mia madre ha 83anni e la pressione alta, e non riesco a trovare il farmaco di cui ha bisogno. "

Nelle ultime settimane il malcontento generato dalla scarsità cronica è tracimato in atti di sciacallaggio. In diverse occasioni, le persone con cui ho parlato riferirono di episodi relativi a casi di saccheggi nelle vicinanze. La prima volta che questo si è verificato è stato il 7 giugno a Carora, mentre stavo parlando con Myriam Gimenez, un’ attivista di base che continua a sostenere il chavismo. Gimenez ha accusato come causa del saccheggio l'opposizione, mostrandomi testi presumibilmente validi come prova che questo faceva parte di un complotto di destabilizzazione. Gimenez ha anche detto, "Questa è la prima volta che si è verificato qui". In un'altra occasione, diversi residenti di Petare mi incontravano riportando notizie di "disordini" presso la stazione della metropolitana di Palo Verde in Petare. In pochi minuti, una delle donne è riuscita a parlare con qualcuno nella stazione della metropolitana di Palo Verde, che ha detto che le voci erano false e tutto era calmo.

Il governo ha perso sostegno in maniera significativa, ma questo non si è tradotto in un maggiore sostegno per l'opposizione.

Questi esempi mettono in evidenza la crescente, generalizzata ansia sentita da venezuelani in tutto il paese. Ma le mie esperienze di prima mano, dalla lettura quotidiana dei giornali venezuelani, forniscono ben poco supporto all'idea che il Venezuela sia disceso nel caos. Il saccheggio capita, ma in una sporadica notizia piuttosto che un fenomeno generalizzata. Eppure la gente è certamente pronta a credere che il saccheggio sia una realtà, e la cosa non li sconvolge.

NI UNO, NI OTRO / NE’ L’UNO NE’ L’ALTRO

Tutti quelli di cui ho parlato, indipendentemente dalle loro convinzioni politiche, concordano sul fatto che il governo ha perso il sostegno significativo dal momento, 6 Dicembre 2015, delle elezioni legislative, che l'opposizione ha vinto facilmente. C'è anche però ampio accordo che questo però non si è tradotto in un maggiore sostegno per l'opposizione. Quattro attivisti dell'opposizione (due ex-chavisti) da Maca, una comunità in Petare, mi ha detto che " il chavismo è diminuito al 100 per cento" a Petare. Ho chiesto se questo ha portato ad un maggiore sostegno per l'opposizione. Essi con veemenza scossero la testa e hanno risposto, "La gente non passa neanche all'opposizione." Uno ha commentato: "La gente non vuole sentire parlare di politica." Un altro ha aggiunto, "Sono stanchi di tutto sto fare politica. Vogliono solo mangiare. "Ho chiesto loro sulle critiche che l'opposizione non avrebbe offerto soluzioni concrete ai problemi che affliggono il Venezuela, invece di concentrarsi esclusivamente sul referendum revocatorio. Annuirono vigorosamente dicendo: "E 'vero. Nessuno sta offrendo alcuna soluzione. "

Ho sentito sentimenti simili altrove. Ad esempio, un tassista a Carora dice di aver sostenuto il governo, ma non poteva più farlo perché non è stato in grado di fornire soluzioni alla crisi. Tuttavia, egli ha anche criticato l'opposizione, dicendo: "Sappiamo cosa hanno portato [in passato] e non è stato niente di buono." Gli ho chiesto che egli sostenesse: La risposta: "Ni uno, ni otro," nessuna delle due opzioni.

Nessuno degli attivisti chavisti con cui ho parlato, la maggior parte dei quali conosco da anni, ha espresso alcun supporto per l'opposizione. Tutti, però, hanno espresso critiche significative su Maduro e il suo governo. Jesus Rojas, che ha sostenuto il governo dopo l'elezione di Chavez del 1998, ha detto, "Molte persone non credono più in Maduro . Mentre abbiamo ancora speranza nella transizione, non vediamo una soluzione a breve, medio, o a lungo termine. C'è incertezza. "Passando all’ inglese, ha aggiunto," Non c'è luce alla fine del tunnel. Siamo fottuti. "Nonostante questo, Rojas dice che continua a dar supporto al chavismo del PSUV e non potrà mai votare per l'opposizione. "Se Ho votato per Chávez e contro il governo della 4a repubblica[precedenti a Chávez] che ci han portato il neoliberismo e tanta miseria, non ha senso quindi tornare al malgoverno della quarta repubblica."

"La leadership non conosce l'angoscia e l'ansia che le persone vivono oggi."

Atenea Jimenez, leader della comune, è terrorizzata dall'opposizione, della quale dice che"porterà il fascismo e il neoliberismo.", Ricorda il golpe del 2002 contro Chavez, quando circolavano liste di attivisti chavisti, presumibilmente nel mirino come candidati all’assassinio. Altri chavisti mi han detto di aver visto i loro nomi in tali elenchi. (Come ha riferito Gregory Wilpert, vi era "una caccia alle streghe dei funzionari pro-Chávez" e leader della comunità giornalistica durante il colpo di stato nell'aprile 2002.) Jimenez continua a sostenere il governo, ma è estremamente critica, dicendo: "La leadership non sa l'angoscia e l'ansia che le persone vivono nella società attuale. La leadership si comporta come fossimo ancora nella stessa situazione in cui eravamo tre anni fa. La maggior parte delle persone mette in discussione [il governo] e la gestione dell'economia. Ma quando [i chavisti] criticano [il governo], sono chiamati controrivoluzionari e messi da parte. Il governo e il partito dovrebbero consentire una corrente critica interna [all'interno del PSUV]. In caso contrario, la situazione porterà le destre al potere ". E aggiunge:" I guarimbas [le proteste dell'opposizione violente del mese di febbraio 2014] non potevano far cadere il governo, ma la fame sì che lo poteva. "

Myriam Gimenez è anche critica del governo e del PSUV. E dice: "La mia critica è che il partito sta cercando di sostituirsi al potere popolare. I consigli comunali non possono essere un'appendice del partito, devono invece esprimere la comunità. "Nonostante questa critica, Gimenez dice che le critiche sulle spese del governo e PSUV che agiscono sempre in modo politicamente discriminatorio sono esagerate. E’ stata fatta spesso questa affermazione in merito a una recente iniziativa del governo per distribuire cibo a prezzo controllato attraverso la fornitura locale e comitati di produzione, o Claps. Gimenez ha partecipato a distribuire sacchetti di cibo CLAP a Carora e dice, "posso dire con piena sicurezza che non ci sia discriminazione politica qui." Chiedo come si può essere così certi. Lei risponde: "Ho partecipato anch’io, e l'ultima distribuzione di cibo di cui ho fatto parte ha portato pacchi al consiglio comunale di La Greda, che è gestito da Adecos [sostenitori dell'opposizione Acción Democrática]. E ho visto che hanno dato il numero corretto di sacchi di cibo al Consiglio comunale avversario. "

Quando ho chiesto a Gimenez perché lei continui a sostenere il governo, ha risposto: "Perché non è una bugia che 3 milioni di venezuelani anziani eleggibili stanno ricevendo una pensione che è un vero salario minimo e quindi ne vale la pena. Quando Chávez ha preso il potere, nemmeno 300.000 anziani ricevevano una pensione, e la pensione non era nemmeno un quinto dello stipendio minimo. Non è una bugia che le scuole siano aperte a tutti i bambini con un pasto fornito ogni giorno. ... Non è una bugia il fatto che hanno aperto più opportunità di studio a livello universitario. E non è una bugia che l'istruzione a tutti i livelli è gratuita, totalmente. Oh, ma questa educazione contiene errori, non ne dubitiamo. E 'parte di un [processo] di costruzione. ... Non è una bugia che l'assistenza sanitaria, con tutti i problemi che abbiamo in questo momento con il dollaro, e l'importazione di farmaci proibitiva nel prezzo... ma pure e hanno fornito l'assistenza sanitaria in tutte le nostre comunità . Non è una bugia che i nostri cittadini con disabilità, che sono stati resi come invisibile prima, e non avevano le macchine per il trattamento delle loro disabilità, ora abbiano centri di fisioterapia, e oggi essi hanno la priorità in termini di posti di lavoro, e per molte cose. Non è una bugia, e l’ho vissuta, che la gente nelle nostre zone rurali viveva in case di paglia con i tetti di fango ... e ora ci sono case vere nelle nostre zone rurali, e non solo nelle nostre zone rurali, ma nelle zone urbane , il milione e oltre di case che sono state costruite sono una realtà. ... C'è ancora molto da fare, ma questa è una realtà .... E non è una bugia che in ogni angolo di strada si parla liberamente di politica, la gente parla con te di politica, di quello che sta succedendo, della situazione internazionale, se hanno partecipato o no, se il consiglio comunale ha rubato o non ha rubato i soldi. C'è una partecipazione politica che non può essere accantonata".
BARLUMI DI SPERANZA
Come anche per il riso, lo shampoo e i fagioli neri, e molti altri prodotti, non è facile trovare speranza in Venezuela in questi giorni. Eppure ci sono scintille in tutto il paese. Di fronte alle crescenti sfide legate al procacciarsi cibo, molti venezuelani stanno prendendo la situazione nelle proprie mani e nei propri cortili. Quando sono arrivato a casa sua a Carora, Myriam Gimenez chiese: " Victor mio marito le ha mostrato il giardino?" Quando ho detto di no, mi ha portato al suo cortile e con orgoglio mi ha mostrato diverse colture, tra cui fagioli neri, menta piperita, e origano, che lei e Victor han piantato dalla mia ultima visita nel mese di dicembre. Indicando steli di mais in crescita dal suo vicino di casa, Gimenez ha detto, "Tutti nel quartiere son lì a piantare, ora". Gimenez dice anche che il baratto è diventato sempre più comune come un modo per le persone per ottenere ciò di cui hanno bisogno.

Atenea Jimenez è coinvolta in "una rete di produzione e di consumo comune" di cibo e beni di prima necessità. Sotto-reti di collegamento fra 100 comuni son sorte in tutto il paese, tra cui Yaracuy, Trujillo, Mérida, Lara, e gli stati più nell'area metropolitana di Caracas. Jimenez appartiene ad una rete che collega sette comuni, e che comprende 2.100 famiglie. "Abbiamo i nostri camion e portiamo i prodotti freschi in città. Vendiamo tutto a prezzi bassi per i consumatori. Per esempio, vendiamo pomodori a 400 bolivares / kg, un terzo del prezzo corrente. E portiamo alcuni prodotti che produciamo in città, come shampoo e disinfettante, per la nazione, dove siano difficili da trovare. "Jimenez dice:" C'è una distribuzione stabile di cibo. E 'tutto pianificato. Usiamo un censimento della comunità per distribuire gli alimenti alle persone che ne chiedono. "Il sistema non è perfetto. "Abbiamo perso un po'di cibo" a causa di stime imprecise di quanta richiesta ci sarebbe in alcune zone, dice Jimenez. E aggiunge: "C'è corruzione minima perché è tutto fatto collettivamente. Scriviamo tutto in rapporti dettagliati e così poi possiamo riferire ciò che è stato fatto. "

Oltre agli sforzi di base per costruire un nuovo sistema comunitario di produzione e distribuzione di beni alimentari e di base, ci sono gli sforzi anche di fondo per "salvare l'eredità di Chávez" e forgiare un modo alternativo di fare politica che è in contrasto con la corruzione e la burocrazia del governo. Questo movimento, definito da alcuni come "chavismo critico," ha assunto diverse espressioni. Secondo Jimenez, ci sono due reti di chavismo critico, fatte di partiti di sinistra e organizzazioni socio-culturali che sostengono il governo in modo critico, e sono attente a mantenere la propria autonomia. Una rete, conosciuta come Fronte Patriottico Hugo Chávez, riunisce "il PPT [Patria per tutti, un partito di sinistra], la Corriente Revolucionaria Bolívar y Zamora, una corrente radicale all'interno del PSUV, e un certo numero di i movimenti più piccoli. "The Red de Comuneros è parte di una seconda rete", che non ha ancora un nome, e comprende il PCV [Partito comunista], i movimenti dei lavoratori, alcuni sindacati, tra cui Polar, una frazione del sindacato CANTV, e il collettivo Alexis Vive [un movimento di base con sede in 23 de Enero parrocchia di Caracas e attivi in ​​altri stati, tra cui Lara] "Jimenez dice:" il nostro slogan è:.. né burocrazia, né patti con la borghesia "Questo movimento va cercando di spingere il governo "per andare veramente incontro alle persone, e non solo fare presenzialismo."

Ci sono indefessi sforzi per "salvare l'eredità di Chávez" e forgiare un modo alternativo di fare politica.

L'azione di più alto profilo recente del "chavismo critico" che Jimenez mi dice "è molto vario" e rappresenta molte linee distinte di pensiero, fu una marcia contro la burocrazia e la corruzione nel mese di aprile a Caracas, che ha attirato 1.500 persone. Johnny Murphy, che è attivo con il collettivo Alexis Vive a Carora e Barquisimeto, ha partecipato alla marcia e dice gli organizzatori sono stati soddisfatti dalla affluenza. "Ce ne aspettavamo 1.000", ha detto. Ho chiesto a Atenea Jimenez se la marcia avesse suscitato una risposta da parte del governo. Ha detto: "La risposta del governo è stata il silenzio totale, come se non fosse accaduto. Nessuno ci ha chiamato, dopo." Questo è in contrasto con le azioni aggressive del governo contro Marea Socialista, una formazione trotskista che ha diviso con il PSUV nelle elezioni del dicembre 2015 e senza successo ha cercato di eleggere i propri candidati alle elezioni, ma è stata bloccata dal Consiglio elettorale nazionale. Marea Socialista è stata ferocemente criticata dal governo, che ha recentemente fatto irruzione nella sede del gruppo. Jimenez dice che mentre lei non ha lavorato a stretto contatto con il gruppo, "Io non considero Marea Socialista come il nemico. Sono parte del chavismo critico ".

Le lotte di base sono necessarie, ma non sufficienti a porre fine alla profonda crisi del Venezuela. Sono dolorosamente necessari cambiamenti di politica economica. A lungo termine, il Venezuela deve fare un serio sforzo per affrontare la sua dipendenza cronica dal petrolio, il che rende il paese così vulnerabile alle fluttuazioni dell'economia globale. Nel breve termine, il governo deve affrontare la crisi valutaria. In contrasto con la recente affermazione del New York Times che "il regime di Maduro è stato riluttante a contemplare alcune riforme economiche necessarie”, il governo è stato impegnato negli ultimo colloqui con un team di economisti di UNASUR, l'Unione delle Nazioni Sudamericane, circa un piano macroeconomico per contribuire a stabilizzare l'economia e innescare la crescita economica, proteggendo i settori a basso reddito più vulnerabili ", secondo un consulente coinvolto nei colloqui. Il nucleo del piano sarebbe una fluttuazione del Bolivar, che eliminerebbe l'attuale sistema di tre tassi di cambio separati, i due tassi ufficiali e il tasso parallelo. I sostenitori del piano ritengono che questo fornirà una maggiore stabilità economica e, soprattutto, di eliminare una delle principali fonti di corruzione, il sifonaggio di dollari pregiati da parte delle imprese corrotte, spesso in combutta con funzionari statali. Il piano di UNASUR prevede inoltre la creazione di una universale "carta sociale" che permetterebbe ai cittadini di acquistare beni, i cui prezzi non sarebbero più regolati direttamente, a prezzi ridotti. La speranza è che questo protegga i poveri, riducendo al minimo le opportunità di corruzione. Maduro non ha ancora accettato questo piano, ma gli esperti che ne sanno possono dire che sono "cautamente ottimisti" circa l'impegno del governo. Se ciò sarà sufficiente per fare uscire il Venezuela dalla crisi è una questione aperta.

Per avere qualche speranza di farlo, il governo avrà bisogno di calmare i nervi dei cittadini, e assicurare loro di essere è in grado di provvedere alle loro necessità. L'attuale clima nazionale e internazionale di allarmismo, con crescenti richieste di intervento straniero e le previsioni esagerate di morte imminente del Venezuela, sono tutt'altro che propizie. Invece di incoraggiare interventi imperiali che non potranno che rendere più difficile il cambiamento, la comunità internazionale, inclusi i giornalisti stranieri, dovrebbero lavorare duramente per fornire informazioni precise sulla situazione disastrosa, ma non apocalittica, che sta affrontando il Venezuela.

GABRIEL HETLAND è assistente professore di Studi latino-americani, caraibici, degli Stati Uniti e Studi US/Latinos presso l’Università di Albany, SUNY. I suoi scritti sulla politica venezuelana, democrazia partecipativa, il capitalismo, sul lavoro, e dei movimenti sociali sono apparsi in Sociologia Qualitativa, lavoro, occupazione e società, prospettive dell'America Latina, il Giacobino, The Nation, NACLA, e altrove.
22.06.2016

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di ROBERTO MAROCCHESI 

Nessun commento:

Posta un commento