IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

lunedì 18 luglio 2016

THE DONALD TRUMP SHOW

Convention repubblicana. Al via il Trump show

ARTICOLOTRE
Donald Trump: "Dai rifugiati un attacco come l'11 settembre"– M.F.- Giro di boa per le presidenziali americane: si chiudono le primarie per la nomination del candidato presidente di Democratici e Repubblicani e si aprono ufficialmente le campagne per la sfida decisiva di novembre.
La Convention di partito è uno dei momenti clou nella campagna per le presidenziali americane e serve per ufficializzare la nomina del proprio candidato e per conquistare gli indecisi.
Il via, quest'anno, è dato dai Repubblicani, che terranno la loro convention da oggi, lunedì 18 luglio fino a giovedì 21 luglio. La settimana prossima, invece, sarà la volta del democratici.
Sede della Convention Repubblicana, quest'anno è la Quicken Loans Arena di Cleveland, in Ohio. Qui sfileranno i principali nomi del Grand Old Party che saliranno sul palco per promuovere Trump.
Alla Convention di Cleveland, il partito Repubblicano, però, si presenta profondamente spaccato per la candidatura a Presidente dell'uomo che nessuno avrebbe mai voluto come prossimo inquilino della Casa Bianca.
Kendal Unruh, delegata del Colorado, ha addirittura fondato un movimento il "Free the Delegates", ribattezzato anche "Chiunque eccetto Trump", per promuovere una clausola di coscienza tra i delegati, la quale permetterebbe loro di svincolarsi dal parere espresso dai cittadini che rappresentano e ribaltare così i risultati delle primarie. La commissione elettorale, tuttavia, non ha riconosciuto nelle motivazioni di Unruh, una motivazione valida per cambiare le regole del voto. La delegate del Colorado, però, non demorde: "Non è tutto perduto, riusciremo a  presentare una mozione di minoranza all’assemblea", spiega a L'Espresso.
convention clevelandCome funziona una Convention? I delegati di ogni Stato, assegnati durante le primarie, scelgono il candidato del partito e sono obbligati, per il primo turno, a votare il candidato indicato dai cittadini. Dovrebbe bastare il primo turno per designare ufficialmente Trump, in quanto con i suoi 1.543 delegati, il Tycoon ha superato, di gran lunga, la maggioranza più uno dei delegati, che per i Repubblicani si attesta a 1.237.
Le giornate della Convention si divideranno in due parti: il pomeriggio dedicato alle tavole rotonde dei delegati, la sera, invece, si trasforma in un grande spettacolo, un palcoscenico in cui si fa di tutto per conquistare l'emotività e il voto dei cittadini; soprattutto di quelli più indecisi.
In questo senso, infatti, pare che la Convention Repubblicana 2016, non abbia precedenti; si afferma sia stato lo stesso Donald Trump a voler curare di persona alcuni dettagli della kermesse.
Uno show per 50 mila tra delegati e visitatori; per chi non potrà essere presente di persona, gli eventi più importanti della 4 giorni repubblicana, verranno trasmessi in diretta Tv: sono 15mila i giornalisti accreditati e provenienti da ogni parte del mondo.
Nella quattro giorni Repubblicana, sono previsti circa 20 interventi, tra cui anche quelli del candidato Presidente e Vicepresidente.
Tra gli ospiti dei repubblicani, l’ex sindaco di New York Rudolph Giuliani, la famiglia Trump (la moglie Melania e i quattro figli, Tiffany, Eric, Donald jr. e Ivanka) senatori e governatori. A sorpresa ci sarà Ted Cruz.
Cleveland Prepares For Upcoming Republican National ConventionTrump, intanto, promette unità e nei giorni scorsi ha ufficializzato la scelta del governatore dell'Indiana, Mike Pence, come suo Vice. Secondo il miliardario, Pence è un "uomo che credo sarà incredibile in molti modi. E uno dei motivi per cui l'ho scelto è l'unità del partito, devo essere sincero. Così tante persone hanno parlato di unità del partito perché sono un outsider".
Sicurezza. Il problema di sicurezza a Cleveland, oltre alle molte manifestazioni indette contro Trump, è dato dal fatto che l'Ohio è uno dei 31 Stati che non chiedono licenza di open carry, è possibile, cioè portare la propria arma in pubblico e in maniera tale che sia visibile a tutti. Ognuno potrà, quindi, presentarsi davanti ai cancelli della Convention con un'arma in bella mostra. Il sindacato di polizia, nei giorni scorsi aveva chiesto di sospendere temporaneamente la legge statale, ma il governatore dell'Ohio, il repubblicano John Kasich, ha bocciato la richiesta.
 La polizia, malgrado abbia messo a punto misure di sicurezza rigidissime, teme possibili violenze in questa atmosfera di violenza tra neri e bianchi in cui gli Stati Uniti sono ripiombati dal 5 luglio scorso quando a Baton Rouge in Louisiana (dove domenica sono stati uccisi 3 agenti e 3 sono stati feriti) venne ucciso da due poliziotti il nero Alton Sterling, disarmato.
Per evitare che le tensioni e gli scontri si trasferiscano a Cleveland, alla Guardia Nazionale, all'Fbi e al Secret Service ci sono da aggiungere circa duemila poliziotti di rinforzo. 
nude-women-pose-cleveland-afp-650_650x400_41468807204Cento donne nude contro Trump. Cento corpi femminili, nudi e in posa. Si chiama "Everything She Says Means Everything (Tutto quello che dice vuol dire tutto)" ed è la nuova opera fotografica di Spencer Tunick che accoglie la Convention repubblicana. Un chiaro significato politico, in quanto, nell'immagine, i soggetti reggono uno specchio di forma circolare: "Per indicare che le donne sono l'incarnazione della natura, del sole, del cielo e della terra", si legge sul sito internet dell'artista, che sottolinea: "bisogna fare affidamento sulla forza, sull'intuizione e sulla saggezza delle donne progressiste e illuminate". Un lavoro che mira a far riflettere sul candidato repubblicano alla Casa bianca Donald Trump per i suoi commenti sulle donne. "L'opera è pensata per le mie figlie, per il loro futuro: devono crescere in una società senza odio, con meno violenza e più opportunità per le donne", ha spiegato il fotografo.
I sondaggi. Stando a quanto riporta  Real Clear Politics, la decisione dell'Fbi di assolvere Hillary Clinton dall’ipotesi di reato dopo lo scandalo delle mail ha fatto scendere la candidata democratica di alcuni punti, mentre Trump, rispetto al crollo di giugno (con conseguente licenziamento del capo della campagna elettorale) sembra si sia rialzato.

Nessun commento:

Posta un commento