IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

lunedì 18 luglio 2016

STUPRATA A 16 ANNI

La vera storia della 16enne che ha denunciato uno stupro a Roma 

La giovane dice di aver subito una violenza nei pressi di Villa Ada. Ma dai controlli medici non risulta

LA STAMPA 18/07/2016
Ha dichiarato di essere stata stuprata da due extracomunitari a Villa Ada, parco nell’esclusivo quartiere dei Parioli, ma i medici non hanno riscontrato alcun segno di violenza. Che cosa si nasconde dietro il racconto di una sedicenne scappata di casa da Firenze? Proseguono ininterrottamente le indagini della polizia per cercare di chiarire quanto accaduto nella giornata di ieri quando una ragazza di 16 anni rintracciata dopo che la nonna ne aveva denunciato la scomparsa da Firenze, ha raccontato di essere stata violentata da due extracomunitari. 

I poliziotti si sono diretti verso una baracca di Villa Ada dove la sedicenne ha dichiarato di essere stata abusata indicando quali autori due extracomunitari. La ragazza, è stata accompagnata presso una struttura sanitaria, dove i medici le hanno prestato le cure necessarie senza però riscontrare segni di violenza. 

L’immediata battuta effettuata ha consentito ai poliziotti di rintracciare due cittadini egiziani, entrambi di 21 anni, che sono stati condotti presso gli uffici del Commissariato Viminale e denunciati. Ma si tratta di un atto dovuto, la vicenda del presunto stupro è tutta da chiarire e non è esclusa l’ipotesi che si sia trattata in origine di una bugia per coprire la fuga da casa. 

La ragazza - secondo il suo racconto - è stata avvicinata nei pressi della Villa, condotta in una baracca, all’interno della quale sarebbe avvenuto lo stupro. È riuscita a liberarsi poco dopo e a fermare un’auto della polizia, i cui agenti l’hanno condotta al policlinico Umberto I. Avviate le indagini, la polizia ha rapidamente identificato i due presunti responsabili della violenza sessuale, che sono stati arrestati. 

Nessun commento:

Posta un commento