IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

venerdì 15 luglio 2016

STRAGE A NIZZA

Nizza, 84 morti e 50 feriti in pericolo di vita. Hollande: “Colpiranno ancora” - La diretta

Nuovo attacco terroristico nella notte del 14 luglio. Un testimone: «Il killer urlava Allah Akbar». Prolungato di tre mesi lo stato d’emergenza. Molti bambini fra le vittime

LA STAMPA 15/07/2016
«Colpiti il 14 luglio, giorno di Festa nazionale e simbolo della libertà, perché i fondamentalisti negano i diritti fondamentali». Il tir che sulla Promenade des Anglais di Nizza ha ucciso 84 persone (molti i bambini coinvolti, 50 i feriti che lottano fra la vita e la morte), «aveva l’intenzione di schiacciare e massacrare» ha detto il presidente francese, Francois Hollande. Otto mesi dopo gli attentati di Parigi, il Paese è di nuovo sotto attacco: l’Isis festeggia in rete. Mohamed Lahouaiej Bouhlel, il 31enne franco-tunisino residente a Nizza che era alla guida del camion, ucciso dalle forze dell’ordine , «era noto alla polizia per violenza coniugale e uso di armi, ma nessun fatto legato al terrorismo». Si è mosso mentre la festa, che aveva richiamato decine di migliaia di persone sul lungomare per i fuochi d’artificio, stava per finire.  È schizzato a 80 km orari sulla gente: «Il camion sterzava di continuo, per colpire più persone possibile, proprio come fossero dei birilli», hanno raccontato i testimoni. La mattina dopo il nuovo attacco alla Francia, la città è sotto choc: l’accesso alle spiagge è interdetto, la Promenade des Anglais resta chiusa ed è iniziato un lento pellegrinaggio per rendere omaggio alle vittime. Diversi corpi, ricoperti da un lenzuolo blu, si trovano ancora sul marciapiede. 70 esperti della scientifica stanno lavorando e non potranno essere rimossi prima che abbiano finito le loro analisi. Proclamati tre giorni di lutto nazionale. Non si escludono vittime italiane.  

Ore 18.53 - Il sostegno di Ventimiglia  
Per esprimere solidarietà alla vicina Nizza e alla Francia, i commercianti di Ventimiglia hanno esposto sulle loro vetrine un cartello listato a lutto. Nel manifesto hanno scritto «Je suis Nice et la France» e sotto la scritta hanno riprodotto il tricolore francese e quello italiano. 

Ore 18.50 - Anche tedeschi tra le vittime  
«Dobbiamo purtroppo ritenere che ci siano cittadini tedeschi fra le vittime di Nizza». Lo afferma il ministero degli Esteri di Berlino, che tuttavia non fornisce alcun numero e non conferma ufficialmente ancora neppure le tre vittime della scuola di Berlino in gita scolastica a Nizza, notizia invece data per certa dal presidente del quartiere di Charlottenburg in cui si trova la scuola. 

Ore 18.39 - Il passante eroico  
Sarebbe stato anche grazie all’intervento di un eroico passante che la polizia di Nizza è riuscita a uccidere il terrorista tunisino: a mani nude, è saltato nella cabina del camion e ha distratto l’uomo che era alla guida del Tir, che è riuscito ad impugnare la sua pistola e a far fuoco ma senza colpirlo. Lo scrive Le Figaro, aggiungendo che il passante, di cui non si conosce il nome, è poi sceso dalla cabina del camion, illeso. 

Ore 18.38 - L’inchiesta di Tunisi  
L’autorità giudiziaria tunisina ha aperto un’inchiesta contro «chiunque sia coinvolto negli attacchi che hanno scosso giovedì notte la città francese di Nizza». Secondo alcuni media tunisini, l’attentatore a Nizza non era un franco-tunisino ma emigrato tunisino di 31 anni, residente in Francia dal 2011. 

Ore 18.25 - La messa per le vittime  
Alle 18.30 si terrà una messa per le 84 persone che hanno perso la vita a Nizza. La funzione, riferisce Nice Matin, si terrà presso la cattedrale di Sainte Reparate, e sarà celebrata dal vescovo di Nizza, André Marceau. 

Ore 18.24 - «Tre o quattro bambini la tra la vita e la morte»  
Sarebbero quattro i bambini attualmente in pericolo di vita. Lo ha riferito al Guardian un medico della terapia intensiva che ha in cura i piccoli feriti. I bambini sono stati travolti dal tir dell’attentatore e hanno riportato «gravi traumi, ossa rotte ed emorragie». 

Ore 18.19 - La Tour Eiffel in rosso, bianco e blu  
Stasera il monumento più celebre di Parigi sarà illuminato coi colori dell bandiera francese, come omaggio alle 84 vittime dell’attacco terroristico di Nizza. Lo rivela la società che gestisce il monumento parigino. 

Ore 18.12 - La riapertura della Promenade  
Completamente chiusa ieri sera in seguito all’attentato, la Promenade des Anglais dovrebbe riaprire entro un paio di ore. Lo riporta il quotidiano Nice Matin, citando la municipalità di Nizza. Il lungomare dovrebbe restituito alla città, con la riapertura del traffico, dei negozi e locali e dell’accesso alle spiagge, intorno alle 20. 

Ore 18.04 - Armi finte  
A bordo del camion utilizzato per la strage di Nizza sono state trovate sia armi vere che finte. L’arsenale dell’attentatore era costituito da una pistola automatica calibro 765, un caricatore, una seconda pistola automatica finta, due repliche di fucili d’assalto Kalashkikov e M16 anche questi finti, una granata, un cellulare e diversi documenti che si stanno analizzando. 

Ore 18.01 - Il silenzio del Tour  
Nel finale della tappa odierna, la cronometro individuale da Bourg-Saint-Andéol a La Caverne du Pont-d’Arc, il vincitore Dumoulin, la maglia gialla Froome e gli altri corridori sono saliti insieme sul palco per osservare un minuto di silenzio. 

Ore 17.58 - L’arrivo in bici  
Mohamed Lahouaiej Bouhlel, il 31enne di origine tunisina identificato come l’attentatore di Nizza, ha raggiunto il camion della strage da solo e in bicicletta. Il procuratore di Parigi ha spiegato che il camion è ricomparso alle 22.30 nel quartiere Magnan, e da qui si è diretto verso la Promenade des Anglais. 

Ore 17.46 - Ancora nessuna lista degli italiani  
«Non abbiamo ancora una lista ufficiale degli italiani coinvolti nell’attentato di Nizza», ha dichiarato all’Ansa il console generale d’Italia a Nizza, Serena Lippi. «Stiamo ancora incrociando le segnalazioni che arrivano ai nostri uffici - aggiunge - con quelle arrivate all’ambasciata italiana e all’Unità di crisi della Farnesina. E lo stesso stanno facendo le autorità francesi con le loro segnalazioni».  

Ore 17.43 - “Killer mai segnalato per radicalizzazione”  
L’attentatore di Nizza «era totalmente sconosciuto ai servizi di intelligence e non era mai stato oggetto della minima segnalazione di radicalizzazione». Lo ha detto il procuratore di Parigi, Francois Molins. L’uomo era noto invece alla polizia per minacce, violenze e furto commessi fra il 2012 e il 2016. 

Ore 17.30 - “Perfetto stile jihadista”  
L’attentato di Nizza, «anche se non è stato ancora rivendicato, corrisponde esattamente agli appelli di omicidio delle organizzazioni terroristiche islamiche diffusi sulle loro riviste» e sui media. Lo ha detto il procuratore Francois Molins. 

Ore 17.10 - Dieci bimbi tra le vittime  
L’ultimo bollettino diramato dal procuratore Francois Molins parla di «202 persone ferite, 52 in condizioni gravissime». Tra le vittime ci sono «dieci bambini e adolescenti». 

Ore 17 - “Nessun bimbo italiano ricoverato”  
«Non mi risulta che ci siano bambini italiani tra quelli ancora ricoverati. Da ieri sera non ho visto minori italiani giungere in ospedale». Lo ha detto all’Ansa Federico Solla, chirurgo ortopedico in servizio all’ospedale pediatrico di Nizza. 

Ore 16.48 - “Il padre del killer era estremista”  
L’attentatore di Nizza, era il figlio di un membro del partito islamista tunisino Ennhada, noto per il suo estremismo. Lo rivela Tunisie-secret.com. Nato a Msken, pochi chilometri da Sousse, la città della strage sulla spiaggia dell’anno scorso.  

Ore 16.40 - Bollettino aggiornato: 15 bimbi ricoverati  
Sono ancora 15 i bambini ricoverati all’ospedale Fondation Lenval. Quattro-cinque sono in condizioni critiche a causa di seri traumi cranici. «In totale sono arrivati una cinquantina di bambini - ha spiegato Federico Solla, chirurgo che lavora nell’ospedale nizzardo - e la maggior parte di loro è stata già dimessa».  

Ore 16.25 - L’indagine di Roma  
La Procura di Roma ha aperto un’indagine, affidata al pm Francesco Scavo, ipotizzando i reati di strage e attentato con finalità di terrorismo. Il procedimento è stato aperto anche in relazione alla possibile presenza di vittime italiane.  

Ore 16.05 - “Urlava Allah Akbar”  
Secondo quanto riporta Nice Matin, un testimone ha raccontato di aver sentito il killer urlare più volte “Allah Akbar” sulla Promenade des Anglais. 

Ore 16 - Bollettino aggiornato: 48 gravissimi  
La direzione generale della Sanità ha diramato un nuovo bollettino: 188 feriti, di cui 48 gravissimi e di questi 25 sono in rianimazione. 

15.30 - Nella casa del killer  
Né armi né esplosivi sono stati rinvenuti durante le perquisizioni nell’appartamento di Mohamed Lahouaiej Bouhlel. 

15.15- Hollande: “Il nemico colpirà ancora. Abbiamo dato esempio di coesione”  
«Tutte le misure di sicurezza a protezione della festa erano state adottate» ha detto in diretta televisiva il presidente Hollande, che ha confermato che sono 84 i morti nell’attentato a Nizza, ma ha sottolineato che «una cinquantina di persone sono ancora tra la vita e la morte, nell’emergenza assoluta». Tanti gli stranieri e i bambini. «Il nemico colpirà ancora, la lotta sarà lunga. Abbiamo dato un grande esempio di coesione» ha aggiunto.  

Testimone dell’attentato a Nizza: polizia ottima, poteva andare peggio

15.12- Fermata la moglie dell’attentatore  
È stata fermata la moglie di Mohamed Lahoujaiej Bouhlel, il killer di Nizza. L’uomo avrebbe beffato i servizi di sicurezza della Promenade des Anglais fingendosi un fornitore di gelati. Nella sua casa, minuziosamente perquisita per ore, non sono state trovate né armi né esplosivi.  

14.58 In 30mila sulla Promenade per i fuochi  
Erano 30 mila le persone che ieri sera, prima dell’attentato sulla Promenade des Anglais, partecipavano alla cerimonia dei fuochi d’artificio per la Festa nazionale del 14 luglio. È quanto riferisce il municipio di Nizza.  

14.17 - Aggiornato il bollettino, 188 feriti  
«Il bollettino aggiornato alle 10.30 di stamani dice che c’è stato un totale di 188 feriti ospedalizzati, di cui 98 gravi. 38 di questi pazienti sono bambini, minori di 15 anni». Lo ha detto a Sky TG24 HD Antonio Iannelli, chirurgo italiano del Centre Hospitalier Universitaire di Nizza. 

14.12 Evacuato l’aeroporto  
L’aeroporto di Nizza è stato evacuato. I motivi non sono ancora chiari.  

13.50 - Recuperati tutti i corpi  
«Hanno recuperato tutti i corpi dalla Promenade, sull’asfalto restano i segni della strage. La zona è transennata e non si passa nemmeno a piedi». Lo racconta Gian Mattia D’Alberto, fotografo di LaPresse. 

13.45 - La tragedia dei bambini  
Gli ultimi bilanci parlano almeno una cinquantina di bambini ricoverati in ospedale. In mattinata due bimbi sono morti all’ospedale pediatrico durante interventi chirurgici. 

13.40 - La grande fuga dei turisti  
Dopo l’attentato i turisti disertano Nizza: si moltiplicano le disdette negli alberghi della città della Costa azzurra. Ggli albergatori, che vedono i turisti sostituiti dai giornalisti. 

13.10-Artificieri vicino a camioncino sospetto a Nizza  
La polizia di Nizza ha identificato un camioncino sospetto nella periferia nord della città, in rue de Turin. L’area è stata isolata e gli artificieri sono al lavoro. Il camioncino è un Volvo della società di autonoleggio Open Troc.  

12.30- Hollande e Valls sono arrivati a Nizza  
Il presidente della Francia, Francois Hollande, e il primo ministro, Manuel Valls, sono arrivati a Nizza per rendere omaggio alle vittime della strage. 

11.14-Chi è l’attentatore  
Il killer di Nizza si chiamava Mohamed Lahouaiej Bouhlel. 31 anni, franco-tunisino, secondo alcune fonti era nato a Sousse ed era residente a Nizza. Era stato condannato per violenze a marzo, ma non ha precedenti per terrorismo e non era conosciuto dai servizi. L’uomo era sposato e padre di tre figli. Stava divorziando e aveva problema di soldi. Aveva affittato il camion usato per la strage qualche giorno fa nella regione di Nizza.  

10.53 Non si escludono vittime italiane  
«Non possiamo escludere la presenza di italiani, data l’entità e la gravità del fenomeno» ha riferito il capo dell’Unità di Crisi della Farnesina Claudio Taffuri. In città riedono oltre 30mila italiani, oltre a quelli che si trovano là in vacanza.  

10.36-Tre giorni di lutto nazionale  
Il presidente Hollande ha proclamato tre giorni di lutto nazionale, il 16, 17 e 18 luglio. Lo ha annunciato il premier francese Manuel Valls, ricordando che «il terrorismo costituisce una minaccia che pesa e peserà ancora a lungo sulla Francia». 

9.46-Appello per gli italiani che erano sulla Promenade des Anglais  
Tra le persone disperse a Nizza per cui è stato diffuso un messaggio di ricerca su Twitter ci sono anche due italiani, marito e moglie, Angelo D’Agostino e Gianna Muset. La nuora della coppia ha raccontato di non essere più riuscita a contattarli dopo le 21.55 di ieri. «Siamo disperati». D’Agostino, aggiunge, «è un uomo di circa 1,70 per 70 kg, capelli bianchi, jeans e maglietta blu». 

9.45-Perquisizioni a casa del killer  
Sul camion del terrorista di Nizza, che è stato formalmente identificato grazie alle impronte digitali, sono stati trovati la carta di identità, una patente, una carta di credito e un telefono cellulare. Sono in corso perquisizioni nell’abitazione del killer, la cui identità non è ancora stata resa nota. 

9.21-Rafforzati controlli al confine  
Sono stati ulteriormente rafforzati i controlli sul confine di Stato a Ventimiglia, sia a Pont St.Ludovic che a Pont St. Louis. Agli uomini della Polizia si sono affiancati Esercito, Carabinieri e Battaglione mobile. L’allerta è massima anche al traforo del Monte Bianco. 

9.00-Stato di emergenza prolungato  
Il governo francese ha prolungato di tre mesi lo stato di emergenza. Il presidente Hollande presiede il Consiglio di Sicurezza e difesa all’Eliseo poi partirà alla volta di Nizza, insieme al premier Manuel Valls. 

8.56-Attentatore neutralizzato da passante e due poliziotti  
Il killer di Nizza, un franco tunisino di 31 anni, «è stato neutralizzato da un uomo e due agenti». Una era una donna: «Non dimenticherò mai il viso di questa poliziotta che ha intercettato il killer» ha detto Eric Ciotti, presidente del Dipartimento delle Alpi Marittime, a France Info. 

L’ultima sparatoria prima della fine, così l’attentatore viene ucciso

8.37-La condanna del Papa  
Papa Francesco è solidale con le vittime e tutto il popolo francese e condanna «nel modo più assoluto ogni manifestazione di follia omicida, di odio, di terrorismo e ogni attacco contro la pace». Padre Federico Lombardi racconta «abbiamo seguito questa notte con preoccupazione le terribili notizie da Nizza».  

8.24-Attentatore solo sul camion  
L’autista del camion che si è scagliato sulla folla a Nizza «era solo a bordo del veicolo», e «se ha avuto complici, è stato a monte». La polizia sta esaminando le immagini della videosorveglianza per capire da dove esattamente sia partito. 

8.10-Molti bambini fra le vittime, almeno trenta bambini feriti  
Un corpo steso, coperto da un telo dorato. Accanto una bambola, con il suo vestitino rosa. È una delle immagini più drammatiche della strage di Nizza dove sono rimasti uccisi molti bambini. Sono almeno 30 quelli rimasti feriti.  

7.55-L’appello: “Donate sangue”  
Gli ospedali di Nizza hanno lanciato un appello alla popolazione per donazioni di sangue, per far fronte al gran numero di feriti. Il centro apre alle 9.30 a rue Auguste Gal 45.  

7.53 -Spiagge interdette lungo la Promenade  
L’accesso agli stabilimenti balneari, pubblici e privati, lungo la Promenade des Anglais, è stato interdetto dalle autorità locali. La decisione riguarda, in particolare, le spiagge tra Carras (aeroporto di Nizza) e i Beau Rivage incluse. 

7.32 -84 vittime e 100 feriti  
Continua ad aumentare il bilancio delle vittime dell’attentato di Nizza. I morti sono almeno 84. Un centinaio i feriti.  

L’inizio dell’attacco terroristico, il camion accelera contro la folla

7.20-Alle 9 il consiglio di sicurezza  
Il presidente francese Francois Hollande riunirà oggi alle 9 un «consiglio ristretto di sicurezza e difesa» all’Eliseo. 

7.15-Farnesina agli italiani: evitare gli spostamenti  
La Farnesina «invita gli italiani presenti a Nizza ad evitare spostamenti e a seguire le indicazioni delle Autorità locali». Per emergenze si può contattare il Consolato Generale d’Italia a Nizza al n. 0033 (0) 768054804. Tanti i racconti di connazionali che hanno vissuto in prima persona la tragedia.  

7.09-Ritrovato neonato disperso  
È stato rintracciato il neonato di otto mesi, perduto fra la folla dai genitori, per cui una donna di origini malgasce aveva postato su Facebook un appello disperato. «Alcune persone lo avevano trovato e portato a casa loro». I bambini ritrovati soli tra la folla ieri sera sono stati radunati nella caserma Auvare, sede principale della polizia in città. 

Hollande: “Tutta la Francia minacciata”  
«Dobbiamo fare di tutto per lottare contro questo flagello», ha detto il presidente Hollande, visibilmente commosso, nel corso del suo intervento notturno dall’Eliseo al termine di una riunione con il premier Manuel Valls. Il capo dello Stato ha quindi rivolto un messaggio di «solidarietà alle vittime e alle loro famiglie». Dopo gli attentati parigini del gennaio 2015 e del 13 novembre scorso ora viene «colpita Nizza. Tutta la Francia è sotto la minaccia del terrorismo islamico. In queste circostanze serve vigilanza assoluta e una determinazione senza fine», ha concluso. 

Nessun commento:

Posta un commento