IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

domenica 17 luglio 2016

LE NUOVE RICETTE MEDICHE

Ricette mediche, niente più taglio dei ticket. Le novità

Dietro front del governo sul decreto appropriatezza per i medici

Il governo fa retromarcia sul decreto appropriatezza, la misura che obbligava i medici curanti a prescrivere solo prestazioni ‘strettamente necessarie’ per non incorrere in sanzioni. Resta dunque la possibilità di prescrivere esami e prestazioni sanitarie ‘di indagine’ da pagarsi tramite ticket sanitario, senza che debba essere il paziente a pagare di tasca propria i 203 esami che il governo aveva deciso di tagliare.
La modifica al testo originario – molto contestato da medici e pazienti – è contenuta in un Dpcm sui Livelli essenziali di assistenza, in attesa del via libera del Mef. Lo ha ammesso lo stesso ministro della salute Beatrice Lorenzin. I medici tornano dunque liberi di prescrivere “tutto quanto ritengono necessario alla tutela della salute, sulla base delle evidenze scientifiche”.Viene quindi ripristinata la piena autonomia del medico di famiglia nell’indicare sulla ricetta tutte le prestazioni sanitarie che, secondo il suo parere, risultano necessarie alla diagnosi ed alla cura del paziente. Restano limitate a poche note le prestazioni con indicazione di appropriatezza, cui in ogni caso il medico non è vincolato.
L’unico obbligo per i medici è quello di indicare sulla ricetta il sospetto diagnostico, così da accelerare il processo di diagnosi e cura. Decade ogni ipotesi di sanzione sulla singola prescrizione, e le prestazioni sottoposte a condizione scenderanno dalle 203 inizialmente previste a 40 strettamente selezionate.

Nessun commento:

Posta un commento