IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

martedì 12 luglio 2016

LA MANCIA E' GRATIFICA O CORRUZIONE?

Gratifica o corruzione, il senso del mondo per la mancia

Obbligatoria nei Paesi anglosassoni, quasi un insulto in Oriente. L’antropologo: “È un’eredità coloniale destinata a sparire”

LA STAMPA 12/07/2016
«Dare la mancia non è un costume di questo Paese, per favore non fatelo» recita l’avviso all’immigration dell’aeroporto di Auckland, Nuova Zelanda. A Sydney, Australia, se il tassametro segna 15 dollari e 20 il tassista vi chiederà solo 15 dollari, se ne offrite di più l’uomo risponderà imbarazzato «no tip, thanks!», perché agli antipodi si pensa che i salari siano adeguati e la mancia sia il mix tra elemosina e corruzione. Non la si usa neanche in Polinesia e negli altri arcipelaghi del Pacifico. In Giappone, lasciare gli spiccioli di resto o premiare con denaro un buon servizio è poco elegante o persino offensivo. I nipponici offrono una prestazione di massimo livello per codice etico non per bonus monetari, per ringraziarli basta un arigatò o un inchino.  

Insomma in alcuni Paesi a essere gentili (secondo il nostro uso) si passa per maleducati o arroganti. Perché lasciare o meno una regalia non è solo questione di generosità o tirchieria, ma soprattutto di galateo, convenzioni, valori, etica. All’opposto del Giappone ci sono Usa e Canada dove il tipping è parte del salario. A New York le entrate di personale alberghiero, camerieri, baristi o tassisti dipendono per oltre la metà dalle mance. È obbligatorio donare il 10-15 % (fino al 25% nei locali di lusso) in taxi, bar e ristoranti. Nei menu c’è scritto «service not included» e a volte l’extra viene incluso in automatico alla cassa. Una politica figlia della competizione: meglio mi servi più ti premio. E in caso di cattivo servizio l’etichetta prevederebbe di dare un solo cent di punizione anche se ormai il tip è omologato su percentuali standard, la ricerca di Michael Lynn della Cornell University evidenzia che il rapporto tra entità del lascito e qualità del servizio è minimo. La mancia è un automatismo, ecco perché sono i turisti i più generosi. 

Anche nel vicino Messico, la «propina» è attesa da camerieri (10-15 %) e portatori di valigie: non la si dà sui taxi e nelle trattorie. Nel resto dell’America Latina si usa poco tra i locali, ma è spesso sollecitata ai turisti. «È una forma di generosità aristocratica che presuppone una disparità di posizioni tra chi dona e chi riceve» spiega l’antropologo Marino Niola. Nei Paesi in via di sviluppo il turista è il nuovo «signore», erede del colonialista agli occhi delle masse di locali diseredati, da lui ci si aspetta gratifiche. 

Viaggiando in India si è ossessionati dalla richiesta di «baksheesh», il turista non riesce neanche ad avere un servizio se non dà la mancia in anticipo. Idem in Egitto, dove chiedere donazioni è uno stile di vita. Termine d’origine persiana, in uso dai Balcani fino al Sud Est asiatico, «baksheesh» indica indistintamente mancia, elemosina e tangente (corruzione), riflette la posizione d’imbarazzo in cui si trova il turista in un Paese povero, dove la compassione lo porta a donare spesso cifre enormi e controproducenti per la realtà locale. 

In Cina, dove la mancia era proibita, dopo le Olimpiadi è entrata nell’uso quotidiano. In Thailandia e in Vietnam è gradita, ma non obbligatoria. Il Sudafrica è di stampo anglosassone: si lascia un 10% al ristorante. Nel resto dell’Africa si è sollecitati a dare anche per servizi improbabili. L’eredità coloniale è netta in Mozambico dove la gratifica è chiesta con «pão patrão», pane padrone, che evoca la fame. In Europa si passa dalla Scandinavia dove si usa poco dare la mancia, a Gran Bretagna, Francia, Polonia, Russia dove si lascia il 10% al ristorante. Meno frequente in Germania e Italia. Non usata dagli spagnoli che la considerano una forma di corruzione. Né in Svizzera, dove è stata abolita con la riforma dei salari degli Anni 70. Una tendenza destinata ad aumentare, secondo il sociologo Sabino Acquaviva da poco scomparso: «È espressione d’una società fatta di classi subalterne. La percezione dei clienti rispetto ai camerieri è cambiata. Gli under 30 la rifiutano come idea legata a un rapporto servitore-padrone». 

Nessun commento:

Posta un commento