IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

domenica 10 luglio 2016

ISIS IN FUGA AD 80 KM DA MOSUL

Iraq, l’esercito conquista base strategica a 80 km da Mosul

Preso l’aeroporto di Qayyara, islamisti dell’Isis in fuga
Un fermo immagine del video che mostra il raid dell’esercito iracheno e della coalizione

LA STAMPA 09/07/2016
INVIATO A BEIRUT


L’esercito iracheno, con l’appoggio dei raid della coalizione, ha ripreso la base aerea di Qayyara, città una volta a maggioranza cristiana sulla sponda destra del Tigri. L’aeroporto sarà trasformato nella base avanzata per lanciare l’attacco a Mosul, che si trova a 80 chilometri più a Nord. 

Blitz nel deserto  
Il blitz a sorpresa ha anche isolato la roccaforte di Shirqat, assediata da mesi, dove gli islamisti si sono trincerati e fortificati e resistono a tutti gli attacchi. Ora però i rifornimenti potranno arrivare solo via fiume e le difese saranno indebolite poco a poco. 
Strada spianata  
Una volta prese anche Shirqat e il centro abitato di Qayyara, la strada verso Mosul sarà completamente spianata. Il successo, con un blitz attraverso il deserto, compensa lo stallo dell’offensiva lanciata in primavera da Makhmour, dove c’è un’altra importante base, rafforzata da istruttori, forze speciali e Marines americani. 

Rifornimenti via cielo  
L’aeroporto di Qayyara era in disuso dal 2014 ma ora sarà riattivato e permetterà il trasporto di rifornimenti e truppe via cielo. La base, detta di Telol al-Baj, si trova a 280 chilometri a Nord di Baghdad, in una zona semidesertica. 

Pozzi e raffinerie  
Vicino a Qayyara di trovano anche giacimenti di petrolio e una raffineria con una capacità di 16 mila barili al giorno, una fonte importante di carburante e finanziamenti per lo Stato islamico. L’esercito punta a riconquistarli nei prossimi giorni. 

Islamisti in ritirata  
Gli islamisti hanno opposto scarsa resistenza. Il blitz era stato preparato nelle settimane scorse da blitz mirati che avevano distrutto edifici e postazione prima che i combattenti dell’Isis potessero fortificarli e minarli, come fatto a Ramadi e Falluja. 

Nessun commento:

Posta un commento