IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

mercoledì 27 luglio 2016

iPHONE SUPERA IL MILIARDO DI VENDITE

Le vendite dell’iPhone pronte a superare il miliardo di unità 

Gli analisti stimano che Apple sia prossima a raggiungere il traguardo
REUTERS

LA STAMPA 26/07/2016
NEW YORK
Oggi, congiuntamente alla pubblicazione dei conti trimestrali, attesi a mercati Usa chiusi, Apple potrebbe raggiungere una pietra miliare: vendite di iPhone pari a un miliardo di unità. È la stima degli analisti sentiti dal Financial Times , che in media si aspettano per il solo trimestre chiuso a fine giugno vendite pari a 40 milioni di iPhone. Se così fosse, il totale arriverebbe a quota 987 milioni di pezzi. 

Ma siccome per il trimestre in corso sono attese vendite di almeno altri 40 milioni di unità, gli analisti stimano che Apple stia per raggiungere o abbia già raggiunto quota un miliardo. Per mettere queste cifre in prospettiva, l’Ft cita un analista che ricorda che Apple aveva venduto 397 milioni di iPod quando nel 2014 smise di fornire il numero esatto di pezzi acquistati (quel dato ora è incluso nella voce «altri prodotti» in cui rientrano per esempio l’Apple TV e l’Apple Watch).  

Dalla Cina arriva il video confronto tra iPhone 6s e iPhone 7 (falso?)

Un altro esempio: dal 1981 i pc venduti hanno superato probabilmente quest’anno quota 5 miliardi e Nokia al suo picco nel 2010 aveva venduto 453 milioni di cellulari in un solo anno. Nonostante il raggiungimento di una pietra miliare simile, Apple domani annuncerà probabilmente un calo del 15-18% degli iPhone venduti rispetto allo stesso trimestre del 2015.  

Va ricordato che lo scorso aprile, il gruppo guidato da Tim Cook aveva pubblicato conti trimestrali con ricavi in calo per la prima volta da 13 anni e con vendite del suo prodotto di punta, l’iPhone, in ribasso annuale per la prima volta nella storia del prodotto. Il titolo Apple aveva chiuso la seduta di venerdì scorso in calo dello 0,77% a 98,66 dollari. Nel pre-mercato scivola dello 0,23%.  

Nessun commento:

Posta un commento