IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

venerdì 1 luglio 2016

ELEZIONE AUSTRIACHE DA RIFARE

Elezioni annullate, l’Austria deve tornare alle urne

La Corte costituzionale accoglie il ricorso del partito di Hofer e annulla il risultato delle presidenziali. Il vincitore Van Der Bellen si sarebbe dovuto insediare il prossimo 8 luglio
AFP
Norbert Hofer

LA STAMPA 01/07/2016
BERLINO
L’Austria dovrà tornare alle urne per eleggere il suo presidente. La Corte costituzionale ha infatti deciso di annullare i risultati del secondo turno delle ultime elezioni, accogliendo in tal modo la contestazione del voto presentata dal partito della destra populista Fpö, che aveva denunciato diverse irregolarità nelle operazioni di spoglio. Il ballottaggio del 23 maggio è dunque nullo e dovrà essere ripetuto in tutto il Paese. Le nuove elezioni potrebbero tenersi il 25 settembre o il 2 ottobre.  

«Le elezioni sono il fondamento della nostra democrazia e il nostro compito è di garantirne la regolarità. La nostra sentenza deve rafforzare il nostro Stato di diritto e la nostra democrazia», ha detto a Vienna il presidente della Corte costituzionale Gehrart Holzinger prima di pronunciare la sentenza. È la prima volta che viene annullato un ballottaggio in Austria. 

La precedente tornata elettorale si era chiusa con la vittoria del candidato indipendente (ma sostenuto dai Verdi) Alexander Van der Bellen, che aveva battuto per 31.026 voti lo sfidante della Fpö Norbert Hofer. Il primo turno si era chiuso invece con la vittoria di Hofer. Determinanti per ribaltare l’esito del voto erano state le 740.000 schede elettorali spedite per posta, che avevano consegnato la vittoria finale a Van der Bellen col 50,3% dei voti complessivi, contro il 49,7% di Hofer. 

L’8 giugno la Fpö aveva annunciato un ricorso contro il ballottaggio. Secondo il partito sono state registrate irregolarità in 94 dei 117 collegi elettorali. In diversi casi, ad esempio, le schede sono state aperte prima dell’inizio ufficiale dello spoglio. Venerdì 8 luglio era previsto il giuramento di Van der Bellen come nuovo presidente.  

Nessun commento:

Posta un commento