IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

venerdì 15 luglio 2016

10 MILIONI AD OGNI FAMIGLIA DELLE VITTIME IN PUGLIA

Scontro treni Puglia: 10 mln a vittime, 200mila a famiglia

ROMA – Scontro treni Puglia: 10 mln a vittime, 200mila a famiglia. Via libera del governo e della commissione Bilancio, all’unanimità, alla proposta Boccia per gli aiuti alle famiglie del disastro ferroviariosulla linea Andria-Corato.
Lo prevede un emendamento al Dl Enti Locali depositato dal relatore Misiani e votato all’unanimità in commissione Bilancio che autorizza una spesa di 10 milioni “in favore delle famiglie delle vittime” e “di coloro che a causa del disastro hanno riportato lesioni gravi e gravissime”. A ogni famiglia andranno non meno di 200 mila euro, spiega l’emendamento.
Renzi: “Commosso da soccorritori e pugliesi”. Dopo lo scontro tra treni, “ho voluto testimoniare la nostra vicinanza al popolo pugliese e ai soccorritori andando la sera stessa a Corato e in prefettura a Bari. Mi hanno colpito tante storie che mi sono state raccontate. Il poliziotto, gli studenti, la prossima sposa, anziani e giovani con il loro carico di speranze e difficoltà”.

Lo scrive il premier Matteo Renzi nella newsletter Enews. “Mi ha colpito – sottolinea Renzi – la generosa passione soprattutto delle donne e degli uomini che con una divisa o semplicemente da volontari hanno mostrato il volto migliore dell’Italia. Tengo tatuato nel cuore il racconto dei due vigili del fuoco che hanno estratto dalle lamiere, vivo, il piccolo Samuele. Come hanno cercato di tranquillizzarlo, parlandogli di Sam il pompiere, facendogli vedere i video sul telefonino. Quando l’ho abbracciato per ringraziarlo – a nome di tutti noi – mi ha detto ‘Abbiamo fatto solo il nostro lavoro’. Mi sono emozionato e commosso. Come sono stato colpito dalle immagini dei pugliesi che si sono messi in fila per donare il sangue, in silenzio. Anche questa è l’Italia”, afferma il premier.

Nessun commento:

Posta un commento