IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

giovedì 28 luglio 2016

10 CONSIGLI PER IL VOLO AEREO

Viaggio in aereo, i consigli per evitare jetlag e altri disturbi

ROMA – Viaggiare in aereo non sempre è un piacere. Jetlag, gonfiore alle gambe, raffreddore e secchezza sono alcuni dei disturbi che potresti dover affrontare. Il corpo umano infatti deve contrastare alcuni “effetti indesiderati” del viaggio in aereo e una lista di consigli utili per affrontarlo al meglio arrivano dal sito Compare Travel Insurancene.
Silvia Turin sul Corriere della Sera scrive che il nostro corpo durante i viaggi in aereo va incontro ad alcune trasformazioni e riporta la lista di consigli per rendere il viaggio confortevole e perfetto:

“1. Udito e gusto «compromessi»
Cosa succede al nostro corpo durante un volo: 1/3 delle papille gustative si intorpidisce quando si vola ad alta quota. I cambiamenti di umidità e pressione dell’aria all’interno della cabina possono influenzare udito, olfatto e senso del gusto.
2. Meno ossigeno
Le cabine degli aerei sono pressurizzate al 75% della pressione atmosferica normale (in pratica la stessa di Città del Messico che si trova a 2.250 m di altitudine). Meno ossigeno che arriva al sangue può causare ipossia: una condizione che provoca vertigini, affaticamento e mal di testa.
3. Germi che circolano liberamente
La probabilità di prendere un raffreddore è di oltre 100 volte superiore quando voliamo. Metà dell’aria in cabina viene dal ricircolo e quindi contribuisce alla diffusione di germi e virus.
4. L’esposizione alle radiazioni cosmiche
Durante un volo di 7 ore da New York a Londra si è esposti alla stessa dose di radiazioni cui saremmo esposti facendo una radiografia medica (raggi X).
5. La disidratazione
Un volo di 3 ore può contribuire ad espellere dal corpo fino a 1,5 litri di acqua. I livelli di umidità del velivolo che sono intorno al 4% possono asciugare le mucose del naso, della bocca e della gola.
6. Acqua malsana
In passato nell’acqua immagazzinata sugli aeroplani è stata trovata traccia del batterio E.coli e di altri batteri similmente nocivi.
7. Il gonfiore
Proprio come un sacchetto di noccioline, a metà del volo la pressione dell’aria vi farà gonfiare. Un accumulo di gas può portare a dolori, gonfiore, costipazione, e male allo stomaco.
8. La circolazione del sangue
La mancanza di movimento porta ad accumulo di liquidi, aumentando il rischio di trombosi venosa profonda.
9. Come limitare i danni: consigli semplici ma efficaci
Qualche consiglio è utile per riuscire a rendere più confortevole il viaggio. Innanzitutto evitare gli alcolici: rallentano il metabolismo rendendo ancor più difficile al vostro assorbire l’ossigeno. Bisogna anche bere molta acqua per evitare la disidratazione ed evitare le bevande contenenti caffeina. Utilizzare gocce per gli occhi e tenere un tubetto di crema idratante a portata di mano.
10. Passeggiare quando si può
Continuate a muovervi e fate gli esercizi consigliati che riducono il gonfiore alle gambe.
11. Evitare i germi
Bisogna bere bevande in bottiglia ed evitare l’acqua immagazzinata. Controllare lo stato dei succhi e delle bevande confezionate.
Lavarsi le mani usano disinfettanti e indossare una maschera per combattere la diffusione di germi.
12. Orecchie e naso sotto pressione
Mangiare, masticare cicche e in genere far lavorare la mascella previene il dolore alle orecchie per gli sbalzi di pressione.
Anche decongestionanti e gocce nasali possono aiutare”.

Nessun commento:

Posta un commento