Cerca nel blog

Caricamento in corso...

venerdì 27 settembre 2013

LA GUERRA DEL COLTAN


diAndrea Intonti(sito)giovedì 26 settembre 2013 - AGORA VOX

Bambini, soldati e minatori, per la Guerra del Coltan

La lotta contro il potere è la lotta della memoria contro la dimenticanza.
Milan Kundera - "Il libro del riso e dell'oblio"
Kinshasa (Repubblica Democratica del Congo) - Obiettivo Damasco. È questo, oggi, il primo punto dell'agenda di media, governi e settore militare. Ma se quell'obbiettivo lo spostiamo - lungo la linea di quei "dieci centimetri di distanza dallo schermo televisivo" di cui parlava Bernardo Valli - ci rendiamo conto che, ad oggi, esiste una guerra tanto importante quanto volutamente ignorata, fatta di gruppi terroristici(pudicamente chiamati "ribelli") finanziati e guidati da governi e imprese nazionali straniere nel disinteresse quasi completo della sempre più inutile "comunità internazionale". Una guerra che tocca tutti: pacifisti, guerrafondai e disinteressati, talmente importante da essere la base della società moderna: la guerra per il coltan.
Rubini dalla Birmania (300.000.000 di dollari guadagnati dalla giunta militare nel solo 2006 nonostante l'embargo); coltan dalla Repubblica Democratica del Congo (con un fiorente mercato illegale che si sta sviluppando tra Colombia, Brasile e Venezuela); bauxite - elemento base dell'alluminio - dalla Guinea; smeraldi dalla Colombia e litio - il "petrolio del futuro" - dall'Afghanistan.
Sono questi i nuovi "diamanti insanguinati", minerali il cui mercato si basa sullo sfruttamento, su rapporti economici più o meno legali con regimi non-democratici o sul diretto finanziamento di conflitti ormai più che decennali. Tra tutti, ruolo paradigmatico spetta alla Repubblica Democratica del Congo, uno dei Paesi più ricchi di risorse naturali al mondo saccheggiato fin dai tempi di Leopoldo II (1885, dallo "Stato libero del Congo" il re belga preleva avorio, caucciù, olio di palma, cotone). Ad essere colpita principalmente è la regione orientale del Kivu, passata dall'essere il deposito del paese con i suoi rifornimenti di carne e verdure per Kinshasa (distante 1500 chilometri) a granaio degli sfruttatori, che hanno trovato in Goma – capoluogo della regione del Nord Kivu - un perfetto centro di raccolta ed esportazione. Dei cinquanta conflitti attivi in Africa nel 2001, circa il 25% può essere inserito tra le "guerre per le risorse" che, come evidenziato dalla giornalista ed attivista britannica Katharine Ainger «portano beneficio solo a piccole oligarchie, locali o internazionali, a uomini d'affari ed élite internazionali».
«In questo momento ci sono più dipendenti da telefono cellulare o internet che da eroina, cocaina, alcol o tabacco. Ed è successo in meno di venti anni. Prova solo ad immaginare un mondo senza cellulari né computer». A dirlo è Peter Corckenham, fittizio presidente della altrettanto fittizia multinazionale statunitense Dall&Houston (dietro ai cui nomi in molti vedono l'ombra reale della Halliburton e dell'ex vicepresidente statunitense Dick Cheney) inventato dal giornalista e scrittore spagnolo Alberto Vázquez-Figueroa in "Por mil millones de dolares" e ripreso poi nel successivo "Coltan" che pone al centro, attraverso la finzione di un thriller narrativo, proprio il minerale su cui ruota quasi interamente il mondo moderno.
Cellulari, computer portatili, elettronica per auto ma anche - per il suo contenuto radioattivo e di uranio - protesi per anca, ferri chirurgici, strumentazione per laboratori chimicireattori nucleari e parti dimissili sono solo alcune delle tecnologie che non esisterebbero senza il tantalio, un metallo resistente al calore, ottimo conduttore di corrente e resistente a quasi tutti gli acidi la cui polvere è il vero oggetto dei desideri delle società che utilizzano il coltan (il cui nome deriva dal composto tra la tantalite nella quale il tantalio è contenuto e la columbite) per realizzare condensatori ad elevato tasso di risparmio energetico. Un piccolo passo contro la crisi energetica che corrisponde ad un grande passo verso lo sfruttamento e la distruzione dell'ambiente.
Il suo valore dipende dalla percentuale in tantalite (di solito tra il 20 ed il 40%) e dal suo tenore in ossido di tantalio (solitamente tra il 10 ed il 60%). Nel 1999 il prezzo di questo minerale variava tra i 7 ed i 9 dollari al chilo. A gennaio 2000 era già salito ad un importo che variava tra i 65 ed i 90 dollari. A fine 2000, in concomitanza con lo sviluppo delle nuove tecnologie di massa (cellulari e Playstation 2) il coltan veniva venduto a 835 dollari al chilogrammo, tornando ad aggirarsi sui 90 dollari ad ottobre 2001.
L'occhio cieco della "Pubblica Opinione Organizzata".
La firma dei contratti delle grandi multinazionaliperò è possibile solo grazie alle migliaia di contadiniche abbandonano le proprie terre, ai prigionieri a cui viene promesso uno sconto di pena ed ai tantissimibambini - tra i 5.000 ed i 6.000 secondo il programma di aiuto dell'ong Save the Children - che formano il primo gradino della piramide dello sfruttamento commerciale.
Sono proprio questi ultimi a subire maggiormente gli effetti di questo sistema essendo nei fatti i veri "minatori". I loro corpi permettono di potersi muovere meglio degli adulti nei fori scavati nelle colline - vere e proprie miniere a cielo aperto - abbattendo i già bassissimi costi di estrazione per le società, che li pagano circa 2 euro a settimana rivendendo il coltan estratto a poco più di 450 dollari al chilo. Questo però non sembra bastare all'opinione pubblica occidentale concentrata sui bambini vittime delle armi chimiche del regime di Bashar al-Assad (le cui immagini sono state in alcuni casi prelevate direttamentedalla guerra in Iraq) ma che non rivolge la stessa indignazione e condivisione verso le piccole vittime del turismo sessuale occidentale o di sfruttamento minorile, nel lavoro come nella guerra. Anche l'indignazione è diventata un fenomeno mediatico.
baby-minatori rappresentano un duplice problema sociale (e questo può dirsi anche di tutte le altre forme di sfruttamento del lavoro minorile): per lavorare nelle miniere molti abbandonano la scuola - circa 4.000.000 di bambini secondo il video qui sotto di Save The Children - diventando, oltre che minatori, bambini soldato per gli eserciti, ribelli o regolari che siano e togliendo alle future generazioni di classi dirigenti la possibilità di trovare nuovi Patrice LumumbaKen Saro-Wiwa o Thomas Sankara, tutti e tre uccisi, guardacaso, con la partecipazione di stati o società occidentali.
Nonostante questo minerale si trovi anche in Australia, Canada, Nigeria, Portogallo o sul confine traBrasile, Venezuela e Colombia, il principale luogo di interesse per il mercato del coltan è proprio la Repubblica Democratica del Congo, per un semplice motivo: nelle miniere della zona del Kivu, secondo le stime, si trova circa l'80% delle riserve mondiali di questo minerale. Chi controlla quella determinata zona controlla il mercato. Per estensione, chi controlla il mercato controlla una parte importante dello sviluppo della società moderna.
«Alcuni partono da Luhwinja - una località del sud del Kivu - il lunedì, camminano tre giorni e tre notti prima di raggiungere i siti minerari dove lavoreranno meno di tre settimane e troveranno ciò che la buona stella avrà riservato loro. Sono obbligati a dare ai warugaruga ogni settimana una percentuale dei minerali trovati. Alle barriere sulla strada del ritorno a casa, dovranno rimettere 1 kg su 5, se hanno fortuna, lasciano il 10% a ogni barriera e possono arrivare a Bukavu (capitale del Sud Kivu, ndr) con il resto. Se gli scavatori trovano una piccola quantità di cassiterite (minerale utilizzato nell'estrazione dello stagno, ndr) è meglio per essi venderla ai collaboratori dei rasta, che comprano in nome loro a basso prezzo. Se uno scavatore non ha la quantità di cassiterite richiesta dai rasta, viene ucciso sul posto. Due volte a settimana gli elicotteri per i carichi atterrano nella foresta di Muhunzi» [Testimonianza di un abitante di Luhwinja, da "Il libro che le multinazionali non ti farebbero mai leggere", Klaus Werner-Lobo, Newton Compton Editori, giugno 2009, pag.114]
foto:coltanproblemas.wix.com

(Continua)
Casa originale di questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento