IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

IL MIO BLOG E' AD IMPATTO ZERO DI CO2

Cerca nel blog

venerdì 21 aprile 2017

DAMN. L'ENNESIMO CAPOLAVORO DEL RE DEL RAP KENDRICK LAMAR. DA TOMTOMROCK

http://www.tomtomrock.it/review/recensione-kendrick-lamar-damn/

IL MANDELA PALESTINESE: DI URI AVNERY

Palestine's Nelson Mandela 

I HAVE a confession to make: I like Marwan Barghouti.
I have visited him at his modest Ramallah home several times. During our conversations, we discussed Israeli-Palestinian peace. Our ideas were the same: to create the State of Palestine next to the State of Israel, and to establish peace between the two states, based on the 1967 lines (with minor adjustments), with open borders and cooperation.
This was not a secret agreement: Barghouti has repeated this proposal many times, both in prison and outside.
I also like his wife, Fadwa, who was educated as a lawyer but devotes her time to fight for the release of her husband. At the crowded funeral of Yasser Arafat, I happened to stand next to her and saw her tear-streaked face.
This week, Barghouti, together with about a thousand other Palestinian prisoners in Israel, started an unlimited hunger strike. I have just signed a petition for his release.
MARWAN BARGHOUTI is a born leader. In spite of his small physical stature, he stands out in any gathering. Within the Fatah movement he became the leader of the youth division. (The word "Fatah" is the initials of "Palestinian Liberation Movement, in reverse),
The Barghoutis are a widespread clan, dominating several villages near Ramallah. Marwan himself was born in 1959 in Kobar village. An ancestor, Abd-al-Jabir al-Barghouti, led an Arab revolt in 1834. I have met Mustafa Barghouti, an activist for democracy, in many demonstrations and shared the tear gas with him. Omar Barghouti is a leader of the international anti-Israel boycott movement.
Perhaps my sympathy for Marwan is influenced by some similarities in our youth. He joined the Palestinian resistance movement at the age of 15, the same age as I was when I joined the Hebrew underground some 35 years earlier. My friends and I considered ourselves freedom fighters, but were branded by the British authorities as "terrorists". The same has now happened to Marwan – a freedom fighter in his own eyes and in the eyes of the vast majority of the Palestinian people, a "terrorist" in the eyes of the Israeli authorities.
When he was put on trial in the Tel Aviv District Court, my friends and I, members of the Israeli peace movement Gush Shalom (Peace Bloc), tried to demonstrate our solidarity with him in the courtroom. We were expelled by armed guards. One of my friends lost a toenail in this glorious fight.
YEARS AGO I called Barghouti the "Palestinian Mandela". Despite their difference in height and skin color, there was a basic similarity between the two: both were men of peace, but justified the use of violence against their oppressors. However, while the Apartheid regime was satisfied with one life term, Barghouti was sentenced to a ridiculous five life terms and another 40 years – for acts of violence executed by his Tanzim organization.
(Gush Shalom published a statement this week suggesting that by the same logic, Menachem Begin should have been sentenced by the British to 91 life terms for the bombing of the King David hotel, in which 91 people – many of them Jews – lost their lives.)
There is another similarity between Mandela and Barghouti: when the apartheid regime was destroyed by a combination of "terrorism", violent strikes and a world-wide boycott, Mandela emerged as the natural leader of the new South Africa. Many people expect that when a Palestinian state is set up, Barghouti will become its president, after Mahmoud Abbas.
There is something in his personality that inspires confidence, turning him into the natural arbiter of internal conflicts. Hamas people, who are the opponents of Fatah, are inclined to listen to Marwan. He is the ideal conciliator between the two movements.
Some years ago, under the leadership of Marwan, a large number of prisoners belonging to the two organizations signed a joint appeal for national unity, setting out concrete terms. Nothing came of this.
That, by the way, may be an additional reason for the Israeli government’s rejection of any suggestion of freeing Barghouti, even when a prisoner exchange provided a convenient opportunity. A free Barghouti could become a powerful agent for Palestinian unity, the last thing the Israeli overlords want.
Divide et impera – "divide and rule" – since Roman times this has been a guiding principle of every regime that suppresses another people. In this the Israeli authorities have been incredibly successful. Political geography provided an ideal setting: The West Bank (of the Jordan river) is cut off from the Gaza Strip by some 50 km of Israeli territory.
Hamas got hold of the Gaza Strip by elections and violence, and refuses to accept the leadership of the PLO (Palestine Liberation Organization), a union of the more secular organizations which rules the West Bank.
This is not an unusual situation in national liberation organizations. They often split into more and less extreme wings, to the great delight of the oppressor. The last thing the Israeli authorities are willing to do is release Barghouti and allow him to restore Palestinian national unity. God forbid.
THE HUNGER strikers do not demand their own release, but demand better prison conditions. They demand, inter alia, more frequent and longer visits by wives and family, an end to torture, decent food, and such. They also remind us that under international law an "occupying power" is forbidden to move prisoners from an occupied territory to the home country of the occupier. Exactly this happens to almost all Palestinian "security prisoners".
Last week Barghouti set out these demands in an op-ed article published by the New York Times, an act that shows the newspaper's better side. The editorial note described the author as a Palestinian politician and Member of Parliament. It was a courageous act by the paper (which somewhat restored its standing in my eyes after it condemned Bashar al-Assad for using poison gas, without a sliver of evidence.)
But courage has its limits. The very next day the NYT published an editor's note stating that Barghouti was convicted for murder. It was an abject surrender to Zionist pressure.
The man who claimed this victory was an individual I find particularly obnoxious. He calls himself Michael Oren and is now a deputy minister in Israel, but he was born in the USA and belongs to the subgroup of American Jews who are super-super-patriots of Israel. He adopted Israeli citizenship and an Israeli name in order to serve as Israel's ambassador to the USA. In this capacity he attracted attention by using particularly virulent anti-Arab rhetoric, so extreme as to make even Binyamin Netanyahu look moderate.
I doubt that this person has ever sacrificed anything for his patriotism, indeed, he has made quite a career of it. Yet he speaks with contempt about Barghouti, who has spent much of his life in prison and exile. He describes Barghouti’s article in the New York Times as a "journalistic terror act". Look who's talking.
A HUNGER STRIKE is a very courageous act. It is the last weapon of the least protected people on earth – the prisoners. The abominable Margaret Thatcher let the Irish hunger strikers starve to death.
The Israeli authorities wanted to force-feed Palestinian hunger strikers. The Israeli Physicians Association, much to its credit, refused to cooperate, since such acts have led in the past to the deaths of the victims. That put an end to this kind of torture.
Barghouti demands that Palestinian political prisoners be treated as prisoners-of-war. No chance of that.
However, one should demand that prisoners of any kind be treated humanely. This means that deprivation of liberty is the only punishment imposed, and that within the prisons the maximum of decent conditions should be accorded.
In some Israeli prisons, a kind of modus vivendi between the prison authorities and the Palestinian prisoners seems to have been established. Not so in others. One gets the impression that the prison service is the enemy of the prisoners, making their life as miserable as possible. This has worsened now, in response to the strike.
This policy is cruel, illegal and counter-productive. There is no way to win against a hunger-strike. The prisoners are bound to win, especially when decent people all over the world are watching. Perhaps even the NYT.
I am waiting for the day when I can visit Marwan again as a free man in his home in Ramallah. Even more so if Ramallah is, by that time, a town in the free State of Palestine.

DESTRA E BIANCHI DI RAZZA

Home / Notizie dal Mondo / Avvento delle destre alternative e supremazia della razza bianca

Avvento delle destre alternative e supremazia della razza bianca

DI ROSANNA SPADINI
comedonchisciotte.org
E’ vero che Trump ha risvegliato un sentimento ultranazionalista, xenofobo e misogino, che è diventato mainstream? È vero che con Trump la propaganda per la «supremazia dei bianchi» è uscita dai circoli di estrema destra e dalle colonne di Breitbart News per arrivare in diretta tv? Sembra proprio di sì, e non c’è da sperare che Trump si dissoci pubblicamente, dato che ha costruito la sua campagna elettorale su questi fantasmi del passato che sembrano incombere minacciosi, e poi anche l’istituzionalizzazione della retorica islamofoba, razzista e antimmigrati è già stato avviata, grazie soprattutto all’uso del web.
L’Alt Right, la destra alternativa, nata dalla volontà di lotta contro l’establishment, si è affermata online negli ultimi anni in USA, su Twitter, 4chan, Reddit. Il fenomeno è composto da suprematisti bianchi, ultralibertini hi-tech, ultraconservatori razzisti, tutti presi dall’angoscia che l’uomo bianco ed eterosessuale sarebbe la vera vittima del nuovo millennio.
Gran parte del suo successo è dovuto al rovesciamento della narrazione politica mainstream, accompagnato alla creazione di una realtà parallela, ossessionata dall’odio verso i media, i neri, le donne, gli ebrei …
«Alt Right» è una definizione coniata nel 2008 da Richard Bertrand Spencer, che dirige il think tank del nazionalismo bianco, incentrato sulla «identità bianca» e la conservazione della «civiltà occidentale». Nel 2010, Spencer aveva lanciato il blog Alt Right, dove ha lavorato per perfezionare i principi ideologici del movimento.
Come capo della politica dell’Istituto Nazionale (NPI), Richard Spencer è uno dei più riusciti giovani leader nazionalisti bianchi del Paese, una specie di razzismo professionale in cachi. Spencer sostiene l’idea di una patria ariana per la razza bianca e chiede «pulizia etnica pacifica» per fermare la «decostruzione» della cultura europea.
“Quello che blocca il nostro progresso è il  meme  che è stato accuratamente impiantato nella mente dei bianchi nel corso di decenni di programmazione, da Mississippi Burning a  Lee Daniel di The Butler cioè alcun tipo di sentimento razziale positivo tra i bianchi è intrinsecamente cattivo e stupido e deriva solo da fanatismo e risentimento. E che il progresso politico e sociale dei non-bianchi è intrinsecamente morale e meraviglioso. ”
L’Alt-Right ha un’infinità di  piattaforme e speakers, tra questi c’è anche Mike Cernovich, cui il New Yorker ha recentemente dedicato un profilo interessante, ed una sua frase dice tutto sul blob politico: «Ecco cosa faremo domani. Dobbiamo pensare a un buon hashtag da usare e dobbiamo avere tutti i nostri meme pronti all’uso».
Cernovich è un ex avvocato bodybuilder, autore del sito Danger & Play, importante membro della politica e della cultura americana, che lavora duro sui suoi meme, condivisi da migliaia di utenti. Un meme può distrarre, fare inquietare, o spingere alla condivisione del messaggio, in maniera molto più efficace di un #longform.
L’Alt-Right non ha un’ideologia coerente, si tratta soprattutto di un marchio di tendenza, che spesso viene sconfessato dalle stesse persone che ne fanno parte. Ma se l’alt-right ha avuto tale successo è anche perché è stata in grado di dialogare con i «millennial». Un recente manifesto pubblicato dalla rivista Radix spiega il legame tra il movimento e i giovani delusi:
«I millennial che costituiscono una buona parte della generazione Alt-Right non hanno un passato da ricordare. Quando lo facciamo, torniamo sempre alla nostalgia ironica vista attraverso le lenti della vaporwave, grazie alla quale ci costruiamo un simulacro che sostituiamo al ricordo reale. Ci era stato promesso un futuro che è stato prima messo a rischio dalla crisi della dot-com dei primi anni Duemila ed è stato bloccato dalla Grande Recessione del 2008».
Uno slogan molto ricorrente nei circuiti Alt-Right è anche il Dark Enlightenment, l’Illuminismo oscuro, un movimento antidemocratico e reazionario (NRX), che respinge ampiamente l’egualitarismo, esige una leadership forte e un approccio conservatore all’economia. Non stupisce quindi che proprio l’Alt-Right sia stata abbondantemente interpretata come un tipico movimento della “destra accelerazionista”, da Nick Land, l’uomo che l’accelerazionismo l’ha più o meno codificato: «Siamo i figli alienati e postmoderni che i vecchi conservatori hanno contribuito a generare. Non siamo un fantasma del loro passato. Siamo molto peggio. Siamo il loro peggior incubo per il futuro».
Anche i millennials dell’Alt-Right hanno intrapreso un percorso alternativo, immaginando un autoritarismo di destra favorito dai social media e fomentato dalla crisi del 2008, dalle nostalgie retro-futuristedella vaporwave, ma anche dalla «troll culture».
L’Alt-Right è poi intimamente connessa all’Identitarismo, altra ossessione intellettuale piuttosto paradossale, ma molto diffusa, un’ideologia di estrema destra, nata in Francia, che ha seminato odio razziale verso gli islamici e odio politico verso la generazione conosciuta come «68ers», un riferimento alla sinistra degli anni ’60, accusata di aver svenduto il proprio paese agli stranieri, anzi il ’68 è considerato la matrice più profonda del tradimento della sinistra, da lì deriverebbero tutti i disastri attuali.
I loro omologhi Usa attaccano i «baby boomers», che si presume comprendano la maggior parte della base del partito repubblicano attuale. Ma i movimenti di entrambi i continenti sono simili nell’accusare destra/sinistra di aver tradito i loro paesi, incapaci di alti profili analitici, affrontano il contesto storico filosofico senza qualità di giudizio, ripetendo i meme pregiudiziali fino alla nausea, tutti uguali, tutti pari pari scopiazzati e riversati sulle tastiere del loro parossismo.
In sostanza il movimento Alt-Right è una specie di aggregato politico/culturale che attinge da blog e testate online, tipo board di 4chan, un sito web imageboard, che discutono su immagini pubblicate, spesso di manga e anime, utilizzando messaggi volutamente eccessivi, spesso ai limiti del trolling.
La sua suggestione ideologica è dichiaratamente reazionaria, xenofoba, maschilista, e la sua efficace strategia  di propaganda si muove attraverso provocazioni, fake news e meme.
Pepe the Frog, una rana verde con labbra rosse creato dal fumettista Matt Furie, nel 2005, è stata etichettato un «simbolo di odio online» dalla Anti-Defamation League, dopo la sua adozione come icona del movimento suprematista bianco.
Le immagini della rana, variamente ritratta con i baffi di Hitler, che indossa una kippah o cappuccio K.K.Klan, si sono moltiplicate su Twitter nei messaggi di odio volti a ebrei e altri utenti. Il personaggio di Pepe, che può essere meglio conosciuto come il «sad frog meme», è stato originariamente creato per i fumetti di Club di Boy, ma ha raggiunto la fama in linea nel 2008, quando il forum 4chan lo ha preso in simpatia.
Un meme italiano potrebbe essere il personaggio che Vittorio Sgarbi si è costruito, prima per farsi conoscere, poi per alimentare la favolistica mediatica nell’immaginario dei social.
Il personaggio Sgarbi porta con sé una lunga carriera fatta di provocazioni volutamente estreme (Maurizio Costanzo è un gay, ecco perché), soliloqui a favore di se stesso (Grillo eroe scemo della sinistra), spesso di carattere parapolitico o propriamente politico, utilizzando turpiloqui violenti e appellativi entrati poi nell’uso gergale (capra! capra!).
Dunque anche il meme Sgarbi sembra aderire allo schema americano, specie se si considera che il suo animale totemico, la capra, è stato ospite fisso sotto forma di statua in uno show di Canale5, Matrix. Il meme Sgarbi viene così percepito come l’eroe che in qualche modo urla e rivendica verità e giustizia, mentre sta esattamente dalla parte del potere di turno, confondendo la massa con i suoi arroganti soliloqui.
Ma per capire meglio l’Alt-Right bisogna approfondire la figura di Pepe the Frog e la sua «straniante evoluzione», come ha spiegato Ryan Broderick su buzzfeed.com.
Questa rana infatti «ha vagato per gli angoli oscuri di Internet per quasi un decennio», cambiando e venendo remixata nelle varie community «Quando poi l’alt-right è uscita da quella message board, Pepe the Frog li ha seguiti», in questo modo, un’innocente rana che piscia è diventata quasi per caso il simbolo grottesco dei troll di estrema destra.
Pepe è stato conciato da troll di estrema destra, in raffigurazioni grottesche che celebravano la supremazia bianca e l’antisemitismo. La presenza virale di questi memi ha sfondato la bolla di Facebook e la cultura popolare.
Poi la rana è stata ricoperta di insegne naziste: sopra il suo sorriso, il motto «Skin Head» e una svastica; sopra la palpebra sinistra, «14», slogan numerico di 14 parole per «Dobbiamo assicurare l’esistenza del nostro popolo e un futuro per i bambini bianchi»; e sopra la sua palpebra destra, «88», che sta per «Heil Hitler».
Trump da parte sua è stato lento a sconfessare il sostegno del Ku Klux Klan e dei gruppi supremazia bianca, e poi ha assunto come suo principale stratega e consigliere Steve Bannon, oggi defenestrato dallo stato profondo, direttore di Breitbart.com, (piattaforma snob  dell’estrema destra).
Come ogni grande meme che si rispetti, è difficile rintracciare l’istante in cui l’immagine di un Trump è stata associata all’anfibio originale Trump Pepe, nel corso della sua esistenza decennale Pepe The Frog ha assunto comunque molte identità.
I social media hanno svolto un ruolo fondamentale per la crescita della Alt Right. Legioni di utenti anonimi di Twitter hanno utilizzato la hashtag #AltRight per divulgare le loro idee, a volte spingendo con successo nel contesto politico.
C’è un termine nuovo di zecca che si è diffuso rapidamente in tutto l’ambiente del fascismo elettronico, e per la gioia di chi ne fa uso, ha trovato la sua strada nel contesto politico.
«Cuckservative»,  combinazione sgradevole di «cornuto» e «conservatore», ha lo scopo di rappresentare i conservatori che non si piegano  alle idee politiche di estrema destra, intesi come traditori verso la base conservatrice che li ha eletti.
L’America cornuta e conservatrice sembra però gestire ancora il potere con energia crescente, dopo una prima battuta d’arresto ha commissariato il presidente Trump, costringendolo a sganciare una dopo l’altra le sue migliori pedine, prima Michael Flynn, ora Steve Bannon … The Donald insomma non riuscirà a sganciarsi dal cornuto e conservatore Deep State che fa lucro sulle guerre, anche se il suo meme minaccia con un piglio grottesco e autoritario.

Rosanna Spadini
Fonte: www.comedonchisciotte.org
21.04.2017

PERCHE' MAI UN ATTENTATO IN ITALIA?

Home / Attualità / Come mai in tutti questi anni, in Italia non vi è mai stato un attentato ?

Come mai in tutti questi anni, in Italia non vi è mai stato un attentato ?

DI GIANFRANCO LA GRASSA
facebook.com
C’è una domanda che non mi sembra venga posta; o forse mi è sfuggita. Come mai in tutti questi anni, in Italia non vi è mai stato un attentato, un massacro, ecc. come ormai avviene con una certa frequenza altrove. La risposta più semplice è che l’Italia è probabilmente la porta più aperta esistente in Europa per le fiumane di migranti in arrivo. Quindi, si cercherebbe di non inasprire qui gli animi dei nostri cittadini contro un simile processo, perché altrimenti si creerebbe maggiore ostilità all’accoglimento così tanto caldeggiato dai “sinistri”, dalla Chiesa, ecc. Accettare una tesi del genere significherebbe però accreditare che tutto quanto avviene sul piano degli attentati terroristici è perfettamente organizzato e orientato da un centro dotato di grande lucidità strategica e di forte presa direttiva sul complesso delle varie organizzazioni islamiche “radicali”.
Credo che si dovrebbe spostare l’attenzione su chi fornisce alle organizzazioni islamiche, in grado di effettuare vari attentati o quanto meno di favorirli e di appoggiarli in qualche modo, una forte alimentazione in termini di armi, di denaro e altro ancora. Questo “chi” è soprattutto molto imbricato con importanti e decisivi “ambienti” statunitensi, che dirigono tutta una rete di complicità presso i governi e organismi politici (in specie di “sinistra”) di importanti paesi della UE. In questo momento, l’Italia è uno dei paesi più deboli e mal governati fra questi paesi. Di conseguenza, al “chi” di cui sopra non credo farebbe piacere un’ondata di paura e anche di rabbia che sconvolga la nostra popolazione. 
In ogni caso, è bene non stare troppo tranquilli; e senz’altro dobbiamo continuare a porci la domanda con cui ho iniziato queste note. Non è in fondo del tutto facile rispondervi.

Gianfranco la Grassa
Fonte: www.facebook.com
Link: https://www.facebook.com/gianfranco.lagrassa/posts/10209242100679638?pnref=story
21.04.2017

PERCHE' LA COREA HA IL NUCLEARE?

Home / Attualità / La Nord Corea si è dotata di armi nucleari per colpa degli U.S.A.?

La Nord Corea si è dotata di armi nucleari per colpa degli U.S.A.?

DI MIKE WHITNEY
counterpunch.org
Immaginate di mettere in gabbia un avversario politico. Dopo averlo lasciato a pane ed acqua, questo comincerà a dar di matto.
Dopo averlo violentemente punito, secondo voi cambierà le proprie idee?
Non succederà, è proprio l’approccio ad essere sbagliato. L’intimidazione fa solo crescere risentimento. Eppure questo è esattamente il modo con cui Washington ha trattato la Corea del Nord negli ultimi 64 anni. La politica americana verso la RPDC non è “bastone e carota”, è solo bastone. È interamente basata sull’assunto che si possa persuadere la gente a fare quello che tu vuoi usando la forza bruta.
Ma tale politica non ha funzionato, perché ora Pyongang ha armi nucleari, proprio ciò gli U.S.A. volevano evitare.
La domanda ora è: cosa facciamo adesso?
Tre cose:
Innanzitutto, dobbiamo capire che l’attuale politica non è riuscita a raggiungere gli obiettivi prefissati. L’approccio sbagliato ha prodotto un risultato non voluto. Potremmo anche sostenere che proprio la belligeranza e le minacce di Washington abbiano spinto il Nord verso il nucleare.
In secondo luogo, capire che la situazione è radicalmente cambiata. La Corea ha ora il potere di ridurre Osaka, Tokyo o Seul in macerie premendo un solo bottone: deve essere presa sul serio. L'”opzione militare” non è dunque sul tavolo, porterebbe solo ad uno scontro nucleare.
In terzo luogo, esaminare le nuove minacce alla sicurezza nazionale U.S.A., causate dalla nostra errata politica negli ultimi 64 anni, e rispondere di conseguenza.
Cosa significa?
Significa che la politica idiota di Washington ci ha messi tutti in pericolo. Il Nord sta ottimizzando la tecnologia dei missili balistici per poter eventualmente colpire obiettivi statunitensi con armi nucleari. Questo non doveva succedere, ma sta accadendo e dobbiamo affrontarlo. Rapidamente.
Quindi cosa facciamo?
Facciamo ciò che fa un paese civile. Modifichiamo la nostra politica, rafforziamo i nostri sforzi diplomatici, creiamo un dialogo costruttivo, facciamo abbandonare alla Corea i programmi nucleari in cambio di incentivi e le forniamo garanzie di sicurezza scritte: tra queste, un trattato che chiude formalmente la guerra, afferma esplicitamente che gli Stati Uniti non lanceranno un’altra aggressione contro il Nord ed un pronto ritiro di tutte le forze di occupazione ed armi dalla penisola coreana.
Questo è quello che dobbiamo fare. Solo così metteremo fine a questo fiasco geopolitico, completamente evitabile.
Firmiamo un trattato che faccia risolvere pacificamente la situazione attraverso negoziati mirati.
Ma l’amministrazione Trump cosa sta facendo?
Esattamente il contrario. Ha intrapreso una retorica incendiaria, allertato le truppe, spostato un carrier strike group nelle acque coreane e minacciato di esplorare l’opzione militare. Dopo 64 anni di fallimento, hanno deciso di andare ancor più forti sulla stessa politica.
Washington è totalmente incapace di imparare dai propri errori.
Mike Whitney
Fonte: www.counterpunch.org
Link: http://www.counterpunch.org/2017/04/19/the-u-s-pushed-north-korea-to-build-nukes-yes-or-no/
19.04.2017
Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di HMG

CHOMSKY: TRUMP CI PORTERA' ALLA GUERRA ATOMICA

Home / Attualità / Noam Chomsky: «Con Trump rischiamo la guerra atomica»

Noam Chomsky: «Con Trump rischiamo la guerra atomica»

DI PATRICIA LOMBROSO
ilmanifesto.it
«Per la prima volta nella storia dell’umanità viviamo una situazione pericolosissima, che rischia la stessa sopravvivenza della specie umana. Parlo della capacità mostruosa odierna di uccidere da parte degli Stati Uniti. Grazie al progetto iniziato anche con l’amministrazione Obama ed ora finito nelle mani di Trump, per l’ammodernamento tecnologico nucleare che ha raggiunto livelli radicalmente superiori all’arsenale nucleare russo quale deterrente. I margini si sono assottigliati al punto che non si può escludere una catastrofe nucleare».
È in questi termini drammatici che si apre l’intervista a Noam Chomsky concessa a il manifesto dopo l’attacco militare, unilaterale, in Siria con 59 missili Tomahawk; il raid in Afghanistan con lo sganciamento della «madre di tutte le superbombe», la Daisy supercutter tecnologicamente perfezionata dal Pentagono che la impiegò già nel 1991 in Iraq; a seguito della minaccia di ritorsioni militari per la tensione con la Corea del Nord; e mentre Trump annuncia la «revisione per verificare se Tehran si è attenuta ai contenuti», anche se «prudente, perché consapevole dei rischi» dell’accordo sul nucleare civile con l’Iran firmato da Obama.
Qual è la strategia e la motivazione dei nuovi attacchi militari in Siria e in Afghanistan?
Le aggressioni unilaterali da parte degli Stati Uniti in Siria e in Afghanistan sono state preparate a tavolino da questa nuova amministrazione incurante del crimine commesso che viola tutte le norme del diritto internazionale. Per uno show rivolto all’opinione pubblica in attesa della promessa «America First».
Con l’intento di perseguire indisturbati nel progetto selvaggio di smantellamento, passo dopo passo, dell’intera legislazione federale istituita 70 anni fa, per proteggere l’intera popolazione americana dalla logica dei profitti immediati e dalla massima concentrazione del potere. Di fatto la reazione immediata di Trump è stata quella di rassicurare l’opinione pubblica americana che un nuovo sceriffo è finalmente arrivato. Con questo messaggio diretto: i brillanti risultati conseguiti dai nostri uomini del Pentagono, nelle ultime otto settimane sono superiori a quanto conseguito durante gli ultimi otto anni dalla presidenza Obama; siamo in grado di effettuare operazioni coraggiose. Insomma, ecco il nuovo sceriffo che dimostra di essere l’uomo forte che voi volete. E che ha dato mano libera a chi voleva intraprendere le cosiddette azioni coraggiose. Come quella di sganciare la superbomba in Afghanistan senza aver neppure idea di quale territorio abbiamo distrutto, né di quanti civili abbiamo ucciso.
Paradossalmente qui negli Stati uniti l’applauso è stato univoco e totale anche da parte dei democratici, visto che in Siria il nuovo sceriffo Trump ha inviato un messaggio alla comunità internazionale per dimostrare che l’America è ancora una superpotenza che sa reagire con la nuova forza dell’ «America First».
L’attacco militare americano in Siria è stato interpretato in Europa ed in tutto il mondo occidentale come un messaggio contro Assad per avere impiegato armi di distruzioni di massa. Non dando però alcuna importanza ai dubbi, francamente credibili, di esperti di armi chimiche e dei russi che hanno chiesto subito una inchiesta internazionale indipendente degli organismi sulle armi chimiche delle Nazioni unite. L’obiettivo di Trump, Bannon e dei loro portavoce è quella di accentrare l’attenzione con costanti immagini televisive e twitter dei social media, dell’opinione pubblica su di loro e non sulle reali tematiche promesse per l’America First. Passo dopo passo, dietro le quinte viene approvata una legislazione che toglie ogni speranza alla popolazione americana nel rivendicare i benefici di protezione sociale ed economica istituiti 70 anni fa. È questa l’organizzazione di potere più pericolosa nella storia del mondo. Che , per continuare ad avere più profitti e sempre più potere, è capace anche di usare l’arma nucleare. Sino alla distruzione dell’umanità.
Quali i rischi immediati prevede in questa situazione di strategia bellica che, per affermare la propria immagine promessa, va verso la catastrofe di una guerra nucleare?
L’ Atomic Bulletin of Scientists nel marzo scorso ha pubblicato uno studio sul programma di ammodernamento dell’arsenale nucleare messo in atto con l’amministrazione Obama ed in mano ora di Trump, dal quale risulta che il sistema dell’arsenale atomico statunitense ha raggiunto un livello da strategia atomica avanzata e radicale, tale da poter annientare la deterrenza dell’arsenale atomico russo. Questo non è all’oscuro di Mosca. Ma con l’intensificarsi della tensione diretta, specialmente nei paesi Baltici ai confini della Russia, determina il rischio di un confronto nucleare diretto con la Russia.
Che cosa dobbiamo aspettarci allora?
Questi dati devono farci capire i rischi per la sicurezza mondiale, dati i margini assottigliati e “al limite massimo” per una catastrofe nucleare provocata da “mutual destruction”. Perché si è messa in moto una situazione in base alla quale la Russia, con l’intensificarsi delle provocazioni degli Stati Uniti, possa decidere di sferrare un “preemptive strike” nucleare nella speranza di sopravvivere, dal momento in cui non ha più la capacità di un arsenale deterrente.
Ci troviamo in una situazione gravissima e pericolosa. Il rischio è dato dalle reazioni imprevedibili di Trump. Un Trump che, se non sarà in grado di mantenere le promesse di cambio fatte alla “working class” a cui si è riferito in campagna elettorale (e che sarà la prima vittima della sua presidenza), prima o poi seguirà un dilagare di accuse di terroristismo islamico verso gli immigrati per giustificare misure repressive eccezionali e nuovi bandi. Prefabbricando prove di un attacco all’America, tanto da giustificare il ricorso all’arma nucleare.
I missili in Siria e la superbomba in Afghanistan sono l’esemplificazione dell’America di Trump pronta a ritorsioni militari che superano ogni più perversa immaginazione. Un disegno politico che è prassi storica per questo paese sin dai tempi della Guerra Fredda.

Patricia Lombroso
Fonte: www.ilmanifesto.it
20.04.2017

MA POI TRUMP NON HA PROPRIO TUTTO TORTO SU GENTILONI

Trump a doppia faccia: ammira l’Italia ma alla fine umilia Gentiloni – La Voce di New York

La conferenza stampa alla Casa Bianca tra il presidente Donald Trump e il premier Paolo Gentiloni (Foto Palazzo Chigi)
lavocedinewyork.com – Trump a doppia faccia: ammira l’Italia ma alla fine umilia Gentiloni. Nella conferenza stampa il presidente degli Stati Uniti “double face” su Libia e nel rispetto dell’interlocutore  – di Stefano Vaccara
Alla Casa Bianca l’incontro tra Donald Trump e Paolo Gentiloni sembrava andare nel migliore dei modi, fino a quando, ad una domanda sulla Libia, il Presidente USA risponde all’opposto di ciò che erano le premesse e le speranze italiane e poi, incredibilmente, non ascolta più la traduzione mentre il suo interlocutore sta ancora parlando
A parole la visita del premier italiano alla Casa Bianca sembra che sia andata benissimo, già,  con il presidente Donald Trump che riempie di lodi per la sua cultura e storia millenaria il “paese di Verdi e Pavarotti, grande amico mio”. Ma sulla sostanza, il governo italiano torna con una conferma che già sospettava da tempo: sulla stabilizzazione della Libia, il problema in cima agli interessi nazionali italiani perchè legato alla crisi dei migranti (ma soprattutto anche alle fonti di energia) Roma non può contare sull’America.
Ma facciamo un passo di poche ore indietro. La mattina di giovedì 20 aprile, al Center for Strategic and International Studies di Washington, Gentiloni aveva ripetuto quello che è stata una cantilena per tutti i governi italiani che si sono alternati a Palazzo Chigi negli ultimi quattro anni: la Libia non può restare nel caos, dobbiamo stabilizzarla invece che frantumarla, chi pensa a dividerla rende la situazione ancora più pericolosa.
Al CSIS il premier aveva auspicato che la Casa Bianca avesse recepito il messaggio, che con una Libia instabile si rischia di rinforzare anche l’ISIS, oltre che lasciare l’Europa indifesa per la crisi dei migranti dove proprio nel paese nordafricano i trafficanti di essere umani ammassano la “merce” d’esportazione.
Quando all’inizio della conferenza stampa congiunta nell’East Room, dopo il bilaterale durato tanto quanto basta, Trump ha iniziato a parlare dell’Italia coprendola di zucchero filato, quel paese che ha dato tanto all’America “grazie ai suoi 18 milioni di americani di origine italiana”,  sembrava che Gentiloni avesse convinto il presidente col debole per lo “spettacolare paese che conosco bene”, di quello che all’Italia al momento preme di più: ottenere dalla potenza USA l’impegno ad aiutarla a stabilizzare la Libia e contenere un espansionismo al centro del Mediterraneo di movimenti fondamentalisti ma anche della Russia, ormai evidente a chiunque voglia vedere.
Quando ad un collega della Radio Rai gli è stata data la possibilità di porre una domanda (prima della conferenza stampa abbiamo saputo da diligenti funzionari dell’ambasciata che sarebbe stato già stabilito chi avrebbe posto le domande: due da parte dei giornalisti americani e due da parte di quelli italiani.
Ma stabilito non solo il numero ma anche chi le dovesse fare le domande… Non abbiamo capito come siano stati scelti i quattro giornalisti e se chi li ha scelti sapesse prima che tipo di domande avrebbero posto…), ecco che Trump faccia simpatia per l’Italia, si trasforma in faccia offendi Gentiloni.
Dicevamo, che Trump, quando ha iniziato a parlare, ha caricato di ammirazione l’Italia: “Rinnoviamo sempre i profondi legami di amicizia che legano il popolo americano e quello italiano. Che affonda le sue radici nel contributo senza tempo dell’Italia alla civiltà, che risale alla Roma antica.
Nel corso delle ere il vostro Paese è stato un faro di risultati artistici e scientifici che continuano tuttora. Da Venezia a Firenze, da Verdi a Pavarotti, mio grande amico. Queste relazioni sono diventate sempre più forti, con i nostri due Paesi diventati alleati vitali”.
Gentiloni gli ha replicato: “È stato un incontro fruttuoso. Un onore essere qui alla Casa Bianca. Oggi rinnoviamo un’amicizia e l’impegno comune nella lotta al terrorismo. Saremo decisivi nel lavoro di stabilizzazione dell’Iraq dopo la sconfitta di Daesh”.
Trump ha anche elogiato l’Italia per essere un partner commerciale che fonda il rapporto sulla “reciprocità”, ripetendo la parola due volte: “Mi piace questa parola, perchè non ne abbiamo di tanti partner commerciali giusti…”.
Il vertice tra i due capi di governo intanto era stato molto influenzato anche dalla notizie provenienti da Parigi proprio in quel momento. “Condoglianze alla Francia per quanto accaduto a Parigi: sembra terrorismo, non finisce mai. Dobbiamo essere forti e vigili”, ha detto Trump “Mi associo alle parole del presidente Trump per quello che è successo a Parigi: condoglianze e vicinanza al popolo e al governo francese, in un momento molto delicato a tre giorni dalle elezioni”, ha commentato Gentiloni.
La lotta al terrorismo infatti è stata al centro dei colloqui tra i due capi di governo. Gentiloni ripete quello detto al CSIS, definisce “fondamentale” l’impegno “anche politico” degli USA per dare stabilità alla Libia ed evitare che “si divida” anche per l’influsso di altre potenze.
Trump all’Italia riconosce la “leadership per la sua stabilizzazione” ma quanto giunge la domanda del giornalista della Rai, che chiede a Gentiloni cosa si aspetta dagli USA in Libia e a Trump quanto gli USA siano disposti a essere coinvolti in Libia per la sua stabilizzazione, ecco che Trump gela Gentiloni e tutta la delegazione del governo italiano: “Non vedo un ruolo degli Stati Uniti in Libia. Siamo troppi impegnati su altri fronti”.
Lo dice in quell momento per la prima volta o lo aveva già preannunciato a quattrocchi a Gentiloni? Il premier italiano, noi che siamo seduti proprio nella prima fila dei giornalisti italiani, quando parla durante la conferenza stampa (inizia in inglese ma poi cambia e continuerà sempre in italiano) si esprime in maniera chiara e precisa, ma ci appare anche molto affaticato e giù di morale.
E’ una impressione che abbiamo, non una certezza, e crediamo anche che Gentiloni debba sentirsi in imbarazzo difronte a quel presidente Americano che gli nega l’aiuto sulla Libia in quel modo, così pubblicamente, dopo che lui quell’aiuto lo aveva chiesto pochi attimi prima e anche nel discorso della mattinata al CSIS.
E poi c’e’ un “incidente” che dovrebbe mortificare il presidente del Consiglio, che però forse (e per fortuna) non si accorge di quello che invece in quel momento si accorgono tutti i giornalisti in sala.
Mentre lui parla, infatti, Trump, che si era tolto prima l’auricolare per ascoltare la domanda sull’Europa di una giornalista italiana che gliela poneva direttamente in inglese, ecco non rimette l’auricolare per la parte finale della conferenza stampa.
Così quando Gentiloni parla in italiano, Trump che alterna un’ espressione sorridente a quella da duro sfidante, non capisce nulla in realtà di quello che il capo del governo italiano sta dicendo.
Non sarà stato tanto tempo, sono gli ultimi minuti della conferenza stampa, ma è una scena non bella, imbarazzante e soprattutto in netto contrasto con la calorosa accoglienza che Trump aveva riservato – almeno a parole – all’inizio della conferenza stampa.
Paolo Gentiloni e Donald Trump durante la conferenza stampa alla Casa Bianca (Foto VNY)
Secondo l’Agenzia ANSA, che leggiamo mentre scriviamo queste righe, durante il vertice nello Studio Ovale, alcune fonti avrebbero riferito che il presidente USA avrebbe rivolto molte domande proprio sulla Libia.
E nella dichiarazione a fine incontro infatti sottolinea che l’Italia “è un partner chiave nella lotta al terrorismo” e per “la stabilizzazione della Libia e per limitare gli spazi vitali dell’ISIS nel Mediterraneo”.
Da parte sua, anche Gentiloni nella conferenza stampa si toglie qualche sassolino dalla scarpa, per esempio quando ribadisce, questa volta rispondendo alla domanda di una collega di Sky Italia, che in Siria l’Italia non è impegnata nelle operazioni militari e non intende farlo in futuro.
E di fronte alle insistenze di Trump per portare al 2%, le spese per la difesa della NATO, il capo del governo italiano  dice che l’Italia lo farà ma progressivamente: “l’impegno è stato preso”.
In dieci anni, dice Gentiloni, i nostri investimenti sono cresciuti dall’1,2 all’1,4%, con una spesa di 23,4 miliardi di euro nel 2014. Ma andiamoci piano, in pratica fa capire il premier, l’Italia farà nei tempi che si sceglie lei, non con quelli imposti da Washington.
Abbiamo assistito alla conferenza stampa dalla prima fila, ma sapevamo già due ore prima che iniziasse che non avremmo potuto neanche tentare di fare una domanda. Gli “scelti” erano stati già designati. Peccato.
Avevamo pronta una domanda, sia per Trump che per Gentiloni, in tema con il bilaterale. Una domanda che si collegava alla nuova politica estera della amministrazione Trump e alla nostra esperienza al Palazzo di Vetro. La domanda, che avremmo volute porre, era questa:
Presidente Trump, Premier Gentiloni, potreste spiegarci meglio quali saranno le conseguenze della nuova “assertive” (da tradurre con decisa e aggressiva) politica estera Americana nelle relazioni tra Italia e Stati Uniti? Nel suo primo giorno al Palazzo di Vetro, l’ambasciatrice Americana Nikki Haley ha spiegato ai giornalisti che ora gli Stati Uniti terranno una lista con i nomi di quei paesi che non fanno quello che hanno promesso di fare… 
Quindi, Signor Presidente e Premier Gentiloni, sapete già cosa l’Italia dovrebbe fare e cosa non fare per non rischiare di finire nella “Trump list”, quella dei cosiddetti cattivi alleati da punire?
ps
Non è che qualcuno dello staff della Casa Bianca, incaricato di preparare una scheda su Gentiloni prima della visita, avesse mai scovato questo articolo sul web?